52. Jahrgang Nr. 5 / November 2022
Datenschutzerklärung | Zum Archiv | Suche




Ausgabe Nr. 10 Monat Dezember 2004
Yo soy mi celda...


Ausgabe Nr. 9 Monat November 2004
Widerstand? - Fehl(er)anzeige!


Ausgabe Nr. 11 Monat Dezember 2004
Notstand: einbetoniert ... oder doch: Extra Ecclesiam salus est?


Ausgabe Nr. 1 Monat Januar 2005
Misericordias Domini in aeternum cantabo - Autobiographie von Mgr. Pierre Martin Ngô-dinh-Thuc, Erzbischof von Hué, übersetzt von Elisabeth Meurer


Ausgabe Nr. 1 Monat Januar 2005
DECLARATIO


Ausgabe Nr. 1 Monat Januar 2005
Bischofsweihen


Ausgabe Nr. 1 Monat Januar 2005
Fortsetzung


Ausgabe Nr. 1 Monat Januar 2005
Fortsetzung II


Ausgabe Nr. 1 Monat Januar 2005
Fortsetzung III


Ausgabe Nr. 4 Monat April 2004
Krönungseid des Papstes


Ausgabe Nr. 5 Monat Juni 2004
Franz Nomista: Stellungnahme zur Frage: Welches ist die zentrale Häresie der sog. 'Konzils-Kirche?


Ausgabe Nr. 5 Monat Juni 2004
Papst Pius IX.: Syllabus


Ausgabe Nr. 6 Monat Juli 2004
Magdalena S. Gmehling: Die Propheten laufen nie mit der Mehrheit. Zum 70. Todestag des christlichen Publizisten und Märtyrers Fritz Michael Gerlich


Ausgabe Nr. 4 Monat Juni 2005
Habemus Papam?


Ausgabe Nr. 4 Monat Juni 2005
Anhang: Ratzingers Stellungnahme zu verschiedenen Themen


Ausgabe Nr. 4 Monat Juni 2005
Die Krise des Glaubens und der Verfall der röm.-kath. Kirche


Ausgabe Nr. 4 Monat Juni 2005
Eine kritische Analyse von Ratzingers Dominus Jesus


Ausgabe Nr. 3 Monat April 2004
Reflections on 'The Passion of the Christ'


Ausgabe Nr. 3 Monat April 2004
L’ERREUR FONDAMENTALE DE VATICAN II


Ausgabe Nr. 3 Monat April 2004
CONSOLACIONES PARA LOS FIELES


Ausgabe Nr. 3 Monat April 2004
Some Remarks concerning the Consecrations by Mgr. Ngô-dinh-Thuc and Mgr. Carmona


Ausgabe Nr. 8 Monat Oktober 2004
Cual es la herejsia central de asi llamada


Ausgabe Nr. 8 Monat Oktober 2004
Open Letter to most Reverend Bishop M. Pivarunas


Ausgabe Nr. 8 Monat Oktober 2004
Paganisation of the Liturgy in India


Ausgabe Nr. 8 Monat Oktober 2004
Clothes Make the Person


Ausgabe Nr. 8 Monat Oktober 2004
La posizione teologica dell'Unione Sacerdotale Trento (nel Messico)


Ausgabe Nr. 10 Monat Dezember 2004
EL ERROR PRINCIPAL DEL VATICANO II


Ausgabe Nr. 10 Monat Dezember 2004
La libertad religiosa, error del Vaticano II


Ausgabe Nr. 10 Monat Dezember 2004
EL HABITO HACE AL MONJE


Ausgabe Nr. 6 Monat Oktober 2005
Zur aktuellen Situation


Ausgabe Nr. 6 Monat Oktober 2005
Zur theologischen Position von Kardinal Ratzinger


Ausgabe Nr. 6 Monat Oktober 2005
Vom Elend der Postmoderne


Ausgabe Nr. 7 Monat Dezember 2005
Unfreundliche Betrachtungen


Ausgabe Nr. 11 Monat december 2005
HABEMUS PAPAM?


Ausgabe Nr. 11 Monat december 2005
The Holy Trinity


Ausgabe Nr. 11 Monat december 2005
La libertad religiosa, error del Vaticano II


Ausgabe Nr. 11 Monat december 2005
Sobre la situacin actual de la Iglesia


Ausgabe Nr. 11 Monat december 2005
A propos de la situation actuelle de lEglise


Ausgabe Nr. 11 Monat december 2005
A commentary on the present situation of the Church


Ausgabe Nr. 11 Monat december 2005
A Word from the Editor


Ausgabe Nr. 1 Monat Februar 2006
Auch eine Unverzeihliche - Hinweis auf Cristina Campo


Ausgabe Nr. 1 Monat Februar 2006
Brief an die Redaktion


Ausgabe Nr. 11 Monat Februar 2006
Autobiografa de Monseor P. M. Ng-dinh-Thuc - Prologo


Ausgabe Nr. 11 Monat Februar 2006
Autobiografia I


Ausgabe Nr. 11 Monat Februar 2006
Autobiografia II


Ausgabe Nr. 11 Monat Februar 2006
Autobiografia III


Ausgabe Nr. 11 Monat Februar 2006
Autobiografia IV


Ausgabe Nr. 11 Monat Februar 2006
Apendice I - Autobiografia breve


Ausgabe Nr. 11 Monat Februar 2006
Apendice II - Documentos


Ausgabe Nr. 1 Monat April 1971
Einige przise Fragen an Herrn Professor Schmaus


Ausgabe Nr. 1 Monat April 1971
Im Verborgenen


Ausgabe Nr. 2 Monat Mai 1971
WAHNSINN


Ausgabe Nr. 1 Monat Februar 2003
DAS ATHANASIANISCHE GLAUBENSBEKENNTNIS


Ausgabe Nr. 1 Monat Februar 2003
Richtlinien fr eine Papstwahl


Ausgabe Nr. 2 Monat Mrz 2003
Orthodoxie und europische Identitt


Ausgabe Nr. 3 Monat April 2003
ber das Papsttum der Rmischen Bischfe


Ausgabe Nr. 3 Monat April 2003
Die Bulle Cum ex apostolatus officio


Ausgabe Nr. 4 Monat April 2003
Surrexit Christus, spes mea


Ausgabe Nr. 4 Monat April 2003
The Roman Catholic Diaspora Church


Ausgabe Nr. 4 Monat April 2003
La silla apostlica ocupada


Ausgabe Nr. 4 Monat April 2003
Where do we stand?


Ausgabe Nr. 5 Monat Juni 2003
ber das Papsttum der Rmischen Bischfe


Ausgabe Nr. 6 Monat Juli 2003
Zur derzeitigen Situation der Kirche


Ausgabe Nr. 7 Monat September 2003
Auf der Suche nach dem Hauptirrtum des II. Vatikanums


Ausgabe Nr. 7 Monat September 2003
Ein Mnch, der ein Buch geworden ist


Ausgabe Nr. 8 Monat October 2003
Consoling meditations for the faithful


Ausgabe Nr. 8 Monat October 2003
LEglise Catholique-Romaine de la diaspora


Ausgabe Nr. 8 Monat October 2003
Sobre la situacin actual de la Iglesia (esp.)


Ausgabe Nr. 8 Monat October 2003
A propos de la situation actuelle de lEglise (fr.)


Ausgabe Nr. 8 Monat October 2003
A commentary on the present situation of the Church (engl.)


Ausgabe Nr. 11 Monat December 2003
MORTALIUM ANIMOS


Ausgabe Nr. 11 Monat December 2003
The Apostolic See Occupied


Ausgabe Nr. 11 Monat December 2003
Ou en sommes-nous?


Ausgabe Nr. 11 Monat December 2003
Dalla Lotta delle civilt alla Lotta delle idee


Ausgabe Nr. 11 Monat December 2003
Yo soy mi celda...


Ausgabe Nr. 3 Monat Juni 1971
BRAND IM BASAR


Ausgabe Nr. 3 Monat Juni 1971
Zur Frage der Gltigkeit der heiligen Messe


Ausgabe Nr. 3 Monat Juni 1971
BRIEF DER REDAKTION


Ausgabe Nr. 1 Monat Mrz 2002
Zur Diskussion ber die Des-Laurierssche These


Ausgabe Nr. 2 Monat Mars 2002
Le Seigneur est ressuscit et il est apparu Simon (fr/eng/spa)


Ausgabe Nr. 2 Monat Mars 2002
Alla ricerca dellunit perduta


Ausgabe Nr. 2 Monat Mars 2002
In Search of lost unity (engl/spa)


Ausgabe Nr. 2 Monat Mars 2002
CARTA PASTORAL SOBRE LA FAMILIA


Ausgabe Nr. 2 Monat Mars 2002
Yo soy mi celda...


Ausgabe Nr. 2 Monat Mars 2002
SOBRE EL PROBLEMA DE UNA POSIBLE ELECCION PAPAL


Ausgabe Nr. 4 Monat Juli 1971
WIDERSPRUCH


Ausgabe Nr. 4 Monat Juli 1971
DER KRNUNGSEID DES PAPSTES


Ausgabe Nr. 4 Monat Juli 2002
William Shakespeare


Ausgabe Nr. 5 Monat September 2002
DIE ROLLE DES FORTSCHRITTS IM KATASTROPHALEN NIEDERGANG


Ausgabe Nr. 5 Monat September 2002
Der Apostolische Stuhl


Ausgabe Nr. 5 Monat September 2002
NACHRICHTEN, NACHRICHTEN, NACHRICHTEN


Ausgabe Nr. 6 Monat November 2002
Pfarrer Carl Sonnenschein


Ausgabe Nr. 8 Monat December 2002
Concerning the problem of the


Ausgabe Nr. 8 Monat December 2002
Autobiografia de su Em. Mons. Pierre Martin Ng-dinh-Thuc


Ausgabe Nr. 8 Monat December 2002
Is Mgr. Lefebvre a validly consecrated bishop?


Ausgabe Nr. 8 Monat December 2002
Le Sige apostolique < occup >


Ausgabe Nr. 8 Monat December 2002
La sede apostolica


Ausgabe Nr. 8 Monat December 2002
A Word from the Editor (engl./espan./fr.)


Ausgabe Nr. 5 Monat August 1971
Ehre dem Menschen


Ausgabe Nr. 5 Monat August 1971
GALILEO GALILEI


Ausgabe Nr. 6 Monat September 1971
DIE WISSENSCHAFT MONTINIS


Ausgabe Nr. 7 Monat Diciembre 2001
Jesus Lord at thy birth/Nacimiento (Eng/Esp)


Ausgabe Nr. 7 Monat Diciembre 2001
LA IGLESIA CATOLICO-ROMANA EN LA DIASPORA


Ausgabe Nr. 7 Monat Diciembre 2001
Dominus Jesus


Ausgabe Nr. 7 Monat Diciembre 2001
ESSERE CRISTIANI SENZA CHIESA ?


Ausgabe Nr. 7 Monat Diciembre 2001
A la recherche de l'unit perdue


Ausgabe Nr. 7 Monat Diciembre 2001
COMMUNICATION DE LA REDACTION (fr./engl/espa/ital)


Ausgabe Nr. 2 Monat Juni 2001
Auf der Suche nach der verlorenen Einheit


Ausgabe Nr. 2 Monat Juni 2001
Offener Brief an H.H. P. Perez


Ausgabe Nr. 2 Monat Juni 2001
Und das Wort ist Fleisch geworden


Ausgabe Nr. 3 Monat Juli 2001
Zur UNICEF


Ausgabe Nr. 4 Monat September 2001
Bulle Cum ex Apostolatus officio


Ausgabe Nr. 4 Monat September 2001
Anmerkungen zum Briefwechsel mit H.H. Pater Perez


Ausgabe Nr. 4 Monat September 2001
NACHRICHTEN, NACHRICHTEN, NACHRICHTEN


Ausgabe Nr. 8 Monat Januar 2002
Die Synode von Pistoja


Ausgabe Nr. 1 Monat April 2000
ber die Familie


Ausgabe Nr. 1 Monat April 2000
Kurze Antwort auf eine Anfrage zum Sedisvakanzproblem


Ausgabe Nr. 2 Monat Juni 2000
... und ich pldiere fr die schwarzen Kutten


Ausgabe Nr. 2 Monat Juni 2000
DONDE ESTAMOS?


Ausgabe Nr. 3 Monat August 2000
SER CRISTIANO SIN IGLESIA? - UNA PONENCIA-


Ausgabe Nr. 4 Monat Nov.-Doppel-Nr.4/5 2000
DIE RMISCH-KATHOLISCHE DIASPORA-KIRCHE


Ausgabe Nr. 4 Monat Nov.-Doppel-Nr.4/5 2000
Econe ante portas - notwendige Klarstellungen


Ausgabe Nr. 4 Monat Nov.-Doppel-Nr.4/5 2000
IN MEMORIAM H.H. PFR. MOLITOR


Ausgabe Nr. 4 Monat Nov.-Doppel-Nr.4/5 2000
VIVA CRISTO REY! -ESTACIONES DE UN VIAJE POR MJICO-


Ausgabe Nr. 4 Monat Nov.-Doppel-Nr.4/5 2000
ESSERE CRISTIANI SENZA CHIESA ?


Ausgabe Nr. 6 Monat Dezember 2000
Unser Heiland und Knig ist geboren! (dt/engl)


Ausgabe Nr. 7 Monat Mrz 2001
Dominus Iesus


Ausgabe Nr. 7 Monat Mrz 2001
Lettera a cristiani preoccupati (ital)


Ausgabe Nr. 7 Monat Mrz 2001
NACHRICHTEN, NACHRICHTEN, NACHRICHTEN


Ausgabe Nr. 7 Monat Oktober 1971
DIE SCHWCHE DES KARDINAL ANTONIO BACCI


Ausgabe Nr. 7 Monat Oktober 1971
ZUM BRIEF EINES PFARRERS


Ausgabe Nr. 1 Monat April 1999
NACHRICHTEN, NACHRICHTEN, NACHRICHTEN


Ausgabe Nr. 4 Monat Oktober 1999
DER GROSSE VERRAT AM PAPSTTUM


Ausgabe Nr. 6 Monat Februar 2000
In memoriam H.H. Pfr. i.R. Werner Graus


Ausgabe Nr. 8 Monat November 1971
ZUM BRIEF EINES LESERS


Ausgabe Nr. 9 Monat Dezember 1971
EIN AUFSCHLUSSREICHER HIRTENBRIEF


Ausgabe Nr. 9 Monat Dezember 1971
TUET BUSSE!


Ausgabe Nr. 10 Monat Januar 1972
DAS LETZTE EVANGELIUM


Ausgabe Nr. 11 Monat Februar 1972
EIN IRRLEHRER: G.A. RONCALLI - JOHANNES XXIII.


Ausgabe Nr. 12 Monat Mrz 1972
LAIEN HELFEN DER KIRCHE


Ausgabe Nr. 12 Monat Mrz 1972
QUELLEN DER GLAUBENSLEHRE


Ausgabe Nr. 3 Monat August 1998
DER HL. DON BOSCO


Ausgabe Nr. 11 Monat April-Sondernummer 1998
DECLARATIO


Ausgabe Nr. 11 Monat April-Sondernummer 1998
ERKLRUNG S.E. Mgr. Pierre Martin Ng-dinh-Thuc


Ausgabe Nr. 11 Monat April-Sondernummer 1998
CURRICULUM VITAE DE MGR. PIERRE MARTIN NG-DINH-THUC


Ausgabe Nr. 1 Monat April 1997
WEIHEURKUNDE VON HERFORD


Ausgabe Nr. 3 Monat April 2006
Der Protestantismus und seine kumenische Aufwertung


Ausgabe Nr. 3 Monat Juli 1997
SIND DIE POST-KONZILIAREN WEIHERITEN GLTIG?


Ausgabe Nr. 3 Monat Juli 1997
SIND DIE POST-KONZILIAREN WEIHERITEN GLTIG?- Fortsetzung


Ausgabe Nr. 4 Monat Oktober 1997
DAS UTRECHTER SCHISMA UND DER ALTKATHOLIZISMUS


Ausgabe Nr. 5 Monat Dezember 1997
DIE RESTITUTION DER KIRCHE ALS RECHTSGEMEINSCHAFT, Anmerkungen


Ausgabe Nr. 6 Monat Februar 1998
Man mu die Herzen fr Christus erweitern


Ausgabe Nr. 2 Monat Juli 1993
EIN FREIMAURER ALS BOTSCHAFTER BEIM 'VATIKAN'


Ausgabe Nr. 2 Monat Juli 1993
EIN NEUES KLOSTER IN FRANKREICH


Ausgabe Nr. 1 Monat Mai 1996
EIN SOLCHER RELIGIONSUNTERRICHT VERDIENT NICHT SEINEN NAMEN


Ausgabe Nr. 1 Monat Mai 1996
NACHRICHTEN, NACHRICHTEN, NACHRICHTEN


Ausgabe Nr. 2 Monat Juli 1996
Buchbesprechung: Die Unterminierung der (katholischen) Kirche


Ausgabe Nr. 4 Monat November 1996
VERSINKT DER KATHOLISCHE WIDERSTAND IM SEKTIERERTUM?


Ausgabe Nr. 4 Monat November 1996
VERSINKT DER KATHOLISCHE WIDERSTAND... (Anmerkungen)


Ausgabe Nr. 5 Monat Dezember 1996
Gedanken ber Formen heidnischer Antizipationen der Jungfrauengeburt


Ausgabe Nr. 1 Monat Mai 1995
IN MEMORIAM...


Ausgabe Nr. 1 Monat Mai 1994
WARNING REGARDING A SUPPOSED BISHOP


Ausgabe Nr. 13 Monat June 2011
La Santisima Trinidad


Ausgabe Nr. 2 Monat Juli 1994
Sukzessionsliste von Jean Laborie


Ausgabe Nr. 2 Monat Juli 1994
BOOK REVIEW


Ausgabe Nr. 4 Monat Dezember 1994
In memoriam


Ausgabe Nr. 1 Monat April 1992
DIE RMISCH-KATHOLISCHE DIASPORA-KIRCHE - FIKTION ODER WIRKLICHKEIT? -


Ausgabe Nr. 2 Monat Mai 1992
DIE RMISCH-KATHOLISCHE DIASPORA-KIRCHE - FIKTION ODER WIRKLICHKEIT? -


Ausgabe Nr. 2 Monat Mai 1992
ARCHBISHOP NGO-DINH-THUC MARTYR FOR THE FAITH


Ausgabe Nr. 5 Monat Dezember 1992
Zum Problem der gegenwrtigen Vakanz des rmischen Stuhles


Ausgabe Nr. 12 Monat Januar, Sondernr. 1993
ENTHLLUNG DES SYSTEMS DER WELTBRGER-REPUBLIK


Ausgabe Nr. 6 Monat Februar-Mrz 1993
ENTHLLUNG DES SYSTEMS DER WELTBRGER-REPUBLIK


Ausgabe Nr. 6 Monat Februar-Mrz 1993
Zum Problem der gegenwrtigen Vakanz des rmischen Stuhles


Ausgabe Nr. 1 Monat Mai 1991
EINE ZEITUNG STELLT SICH VOR: FRAKTUR


Ausgabe Nr. 2 Monat Juli 1991
ZUR AKTUELLEN SITUATION DER KIRCHE


Ausgabe Nr. 2 Monat Juli 1991
ZUR ERNCHTERUNG DER GEMTER


Ausgabe Nr. 4 Monat Dezember 1991
AUFRUF AN ALLE KATHOLISCHEN CHRISTEN


Ausgabe Nr. 5 Monat Februar 1992
D E C L A R A T I O


Ausgabe Nr. 5 Monat Februar 1992
IN MEMORIAM S.E. MGR. MOISS CARMONA RIVERA


Ausgabe Nr. 5 Monat Februar 1992
DER MODERNE HOMINISMUS UND SEINE ABARTIGE RELIGIOSITT


Ausgabe Nr. 1 Monat Mai 1990
DIE ZERSTRUNG DES SAKRAMENTALEN PRIESTERTUMS DURCH DIE RMISCHE KONZILSKIRCHE


Ausgabe Nr. 2 Monat Juli, Sondernr 2/3 1990
2. Die Grndung der Kirche als eines heiligen Reiches 'in dieser Welt'


Ausgabe Nr. 4 Monat Oktober 1990
ANMERKUNGEN ZUR THEOLOGIE VON H.H. P. GROSS


Ausgabe Nr. 4 Monat Oktober 1990
DER KAMPF GEGEN DIE HEILIGE MESSE


Ausgabe Nr. 5 Monat Dezember 1990
DIE BULLE CUM EX APOSTOLATUS OFFICIO VON PAPST PAUL IV.


Ausgabe Nr. 5 Monat Dezember 1990
ZWISCHEN ZWEI STHLEN


Ausgabe Nr. 6 Monat Mrz 1991
DER HL. LAURENTIUS VON BRINDISI


Ausgabe Nr. 7 Monat April-Sondernr 1991
DIE ZERSTRUNG DES SAKRAMENTALEN PRIESTERTUMS DURCH DIE RMISCHE KONZILSKIRCHE


Ausgabe Nr. 7 Monat April-Sondernr 1991
KAPITEL III: DIE AKTUELLE VERWIRKLICHUNG


Ausgabe Nr. 7 Monat April-Sondernr 1991
KAPITEL IV: DIE FRAGE NACH DEM SOG. SPENDER


Ausgabe Nr. 7 Monat April-Sondernr 1991
KAPITEL V: DIE STNDIGE ANGLEICHUNG


Ausgabe Nr. 3 Monat September 1989
DIE STELLUNG DER KIRCHE IM POLITISCHEN LEBEN DES RMERREICHES


Ausgabe Nr. 4 Monat November 1989
NEW AGE, Vorwort


Ausgabe Nr. 4 Monat November 1989
NEW AGE, Ausfhrung II


Ausgabe Nr. 5 Monat Dezember 1989
ZUR PROBLEMATIK DER RESTITUTION DER KIRCHLICHEN HIERARCHIE


Ausgabe Nr. 5 Monat Dezember 1989
DIE ENTWICKLUNG DER KIRCHLICHEN VERFASSUNG BIS ZUM 5. JAHRHUNDERT


Ausgabe Nr. 6 Monat Februar 1990
AUF DEM WEG ZUR WELTEINHEITSRELIGION


Ausgabe Nr. 6 Monat Februar 1990
UBI PETRUS - IBI ECCLESIA


Ausgabe Nr. 7 Monat April 1990
ZUR PROBLEMATIK DER RESTITUTION DER KIRCHLICHEN HIERARCHIE


Ausgabe Nr. 7 Monat April 1990
BISCHFLICHE ERKLRUNG


Ausgabe Nr. 6 Monat Januar 1989
DIE KRISE DES GLAUBENS UND DER VERFALL DER RM.-KATH. KIRCHE


Ausgabe Nr. 2 Monat Juli 1988
BRIEF VON S.E. BISCHOF CARMONA AN EINEN MODERNISTISCHEN PRIESTER


Ausgabe Nr. 3 Monat September 1988
DIE ZWIELICHTIGKEIT DER GESTALT JOHANNES XXIII., Fortsetz.


Ausgabe Nr. 4 Monat Oktober 1988
ZUR PERSON VON MGR. MARCEL LEFEBVRE


Ausgabe Nr. 5 Monat Dezember 1988
NACHRICHTEN, NACHRICHTEN, NACHRICHTEN


Ausgabe Nr. 8 Monat Mrz 1989
GEHRTEN RONCALLI UND MONTINI DER LOGE AN?


Ausgabe Nr. 7 Monat April-Sondernr 1988
KIRCHE OHNE RELIGION UND RELIGIONSLOSE KIRCHEN


Ausgabe Nr. 7 Monat April-Sondernr 1988
KIRCHE OHNE RELIGION UND RELIGIONSLOSE KIRCHEN, Fortsetz


Ausgabe Nr. 2 Monat Juli 1987
ber die christliche Taufe und das Tauf-Sakrament


Ausgabe Nr. 2 Monat Juli 1987
STELLUNGNAHME ZU DEM ARTIKEL DIE KRISE DER APOSTOLISCHEN SUKZESSION...


Ausgabe Nr. 2 Monat Juli 1987
KOMMENTAR ZU DEM DOKUMENT 'DIALOG UND MISSION'


Ausgabe Nr. 4 Monat November 1987
DIE PARUSIE, IV. Kap


Ausgabe Nr. 4 Monat November 1987
DIE PARUSIE, V. Kap


Ausgabe Nr. 4 Monat November 1987
DIE PARUSIE, IX. Kap


Ausgabe Nr. 4 Monat November 1987
DIE PARUSIE, X. Kap und Anhang


Ausgabe Nr. 6 Monat Mrz 1988
KIRCHE OHNE RELIGION UND RELIGIONSLOSE KIRCHEN


Ausgabe Nr. 6 Monat Mrz 1988
NEW AGE


Ausgabe Nr. 6 Monat Mrz 1988
WARUM DER STANDPUNKT DER PRIESTERBRUDERSCHAFT ST. PIUS X. VON MGR. LEFEBVRE VERWORFEN WERDEN MUSS


Ausgabe Nr. 1 Monat April 1986
DER WIEDERAUFBAU DER KIRCHLICHEN HIERARCHIE


Ausgabe Nr. 1 Monat April 1986
UNTERWEGS ZUR WELTEINHEITSRELIGION


Ausgabe Nr. 2 Monat Juli 1986
ZUM TODE VON HERRN DR. HUGO MARIA KELLNER


Ausgabe Nr. 3 Monat September 1986
... DEN LEIB DES HERRN NICHT MEHR UNTERSCHEIDEN...


Ausgabe Nr. 4 Monat November 1986
REV.FR. MCKENNA ZUM BISCHOF GEWEIHT


Ausgabe Nr. 5 Monat Januar 1987
ZUM 'MYSTERIUM FIDEI'


Ausgabe Nr. 1 Monat April 1985
WIEDERVEREINIGUNGSVERSUCHE BIS ZUM PONTIFIKAT PIUS XII.


Ausgabe Nr. 3 Monat Juli 1985
SEELSORGE IN MEXIKO


Ausgabe Nr. 4 Monat Oktober 1985
Es WRE ZU BEDENKEN


Ausgabe Nr. 5 Monat Dezember 1985
BRIEF VON HERRN PROF. DR. D. WENDLAND AN DIE REDAKTION


Ausgabe Nr. 6 Monat Februar/Mrz 1986
DER WIEDERAUFBAU DER KIRCHLICHEN HIERARCHIE


Ausgabe Nr. 6 Monat Februar/Mrz 1986
KRNUNGSEID DES PAPSTES


Ausgabe Nr. 6 Monat Februar/Mrz 1986
AN IHREN FRCHTEN WERDET IHR SIE ERKENNEN


Ausgabe Nr. 6 Monat Februar/Mrz 1986
DIE KOMMUNION ALS OPFERMAHL


Ausgabe Nr. 5 Monat Juli 2006
Armenische Passion


Ausgabe Nr. 1 Monat Mai 1984
DIE ZERSTRUNG DER HL, MESSE IM SOG. 'N.O.M.'


Ausgabe Nr. 3 Monat September 2013
Die Irrtmer des II. Vatikanums und ihre berwindung


Ausgabe Nr. 3 Monat August 1984
ZUR BISCHOFSWEIHE VON MGR. GNTHER STORCK


Ausgabe Nr. 3 Monat August 1984
DER GESALBTE ANTICHRIST


Ausgabe Nr. 6 Monat Februar 1985
EINE HRETISCHE 'ERKLRUNG'


Ausgabe Nr. 6 Monat Februar 1985
DIE ZERSTRUNG DER HL. MESSE IM SOG. 'N.O.M.'


Ausgabe Nr. 12 Monat September 2006
The Autobiography of Mgr. Pierre Martin Ng-dinh-Thuc - Misericordias Domini in aeternum cantabo


Ausgabe Nr. 12 Monat September 2006
The Autobiography of Mgr. Ng-dinh-Thuc - Part 2


Ausgabe Nr. 12 Monat September 2006
The Autobiography of Mgr. Ng-dinh-Thuc - Part 3


Ausgabe Nr. 12 Monat September 2006
The Autobiography of Mgr. Ng-dinh-Thuc - Part 4


Ausgabe Nr. 1 Monat Mai 1983
Die Ereignisse der beiden letzten Jahre


Ausgabe Nr. 1 Monat Mai 1983
EIN BRIEF VON BISCHOF MOISES CARMONA


Ausgabe Nr. 2 Monat Juli 1983
DIE MACHT HINTER ECONES THRON


Ausgabe Nr. 3 Monat August 1983
Die Wojtylanische Diktatur


Ausgabe Nr. 3 Monat August 1983
IST MAN SCHISMATIKER, WENN MAN DEN STUHL DES HEILIGEN PETRUS .... FR UNBESETZT ... HLT


Ausgabe Nr. 3 Monat August 1983
NOCH EINMAL: ZUM PROBLEM DES 'UNA CUM' IM 'TE IGITUR' DER HL. MESSE


Ausgabe Nr. 3 Monat August 1983
WIDER DIE PROPHEZEIHUNGEN DES SOG. ROMAN CATHOLIC


Ausgabe Nr. 3 Monat August 1983
BRIEF VON H.H. P. BARBARA AN DIE REDAKTION


Ausgabe Nr. 4 Monat Oktober 1983
Die Wojtylanische Diktatur


Ausgabe Nr. 4 Monat Oktober 1983
HELDEN MIT AUSZEICHNUNG UNERWNSCHT


Ausgabe Nr. 4 Monat Oktober 1983
AUTORITT UND SEDISVAKANZ


Ausgabe Nr. 6 Monat Februar 1984
BERICHT AUS BRSSEL


Ausgabe Nr. 6 Monat Februar 1984
FRONTWECHSEL


Ausgabe Nr. 6 Monat Februar 1984
DIE ZERSTRUNG DER HL. MESSE IM SOG. 'N.O.M.'


Ausgabe Nr. 7 Monat Mrz 1984
Eine Erklrung von Mgr. M.L. Gurard des Lauriers


Ausgabe Nr. 7 Monat Mrz 1984
DIE KIRCHE DER LETZTEN TAGE


Ausgabe Nr. 7 Monat Mrz 1984
REFLEXIONEN UND MOMENTE EINER KRITISCHEN ANALYSE


Ausgabe Nr. 7 Monat Mrz 1984
DIE ZERSTRUNG DER HL. MESSE IM SOG. 'N.O.M.'


Ausgabe Nr. 1 Monat Mai 1982
BRIEF AN S.E. MGR. PIERRE MARTIN NG-DINH-THUC


Ausgabe Nr. 1 Monat Mai 1982
M. LEFEBVRE IN MEXIKO


Ausgabe Nr. 2 Monat August 1982
T E S T I F I C A T I O


Ausgabe Nr. 2 Monat August 1982
BISCHOFSWEIHE S.E. MGR. BENIGNO BRAVO UND MGR. ROBERTO MARTINEZ


Ausgabe Nr. 2 Monat August 1982
ERZBISCHOF PETER MARTIN NGO-DINH-THUC


Ausgabe Nr. 2 Monat August 1982
MGR. LEFEBVRE CONTRA MGR. LEFEBVRE


Ausgabe Nr. 3 Monat Oktober 1982
OFFENER BRIEF AN DIE ... KULTURGEMEINSCHAFT ST. PLUS X. E.V.


Ausgabe Nr. 4 Monat Dezember 1982
EIN BRIEF VON BISCHOF MOISES CARMONA


Ausgabe Nr. 12 Monat Mrz 1982
DECLARATIO


Ausgabe Nr. 12 Monat Mrz 1982
Epistola


Ausgabe Nr. 12 Monat Mrz 1982
Declaration concernant Palmar


Ausgabe Nr. 12 Monat Mrz 1982
BISCHOFSWEIHEN


Ausgabe Nr. 1 Monat Mai 1981
SEQUENZ ZUM HL. FRONLEICHNAMSFEST


Ausgabe Nr. 2 Monat Juli 1981
TRADITIONALISTISCHER PROTESTANTISMUS


Ausgabe Nr. 3 Monat August 1981
BRIEFAUSZUG


Ausgabe Nr. 3 Monat August 1981
ZUM PROBLEM DES UNA CUM


Ausgabe Nr. 3 Monat August 1981
DIE FALSCHE KUMENE DES MODERNISTISCHEN ROM


Ausgabe Nr. 3 Monat August 1981
DER HL. RABANUS MAURUS


Ausgabe Nr. 4 Monat Oktober 1981
ZU EINER VERLAUTBARUNG VON MONSEIGNEUR LEFEBVRE


Ausgabe Nr. 6 Monat Februar 1982
KURZE BESCHREIBUNG DES TRADITIONALISMUS IN MEXIKO


Ausgabe Nr. 6 Monat Februar 1982
PREDIGT VOM 4. OKTOBER 1981


Ausgabe Nr. 6 Monat Februar 1982
STELLUNGNAHME ZU DEM STANDPUNKT VON MGR. MARCEL LEFEBVRE


Ausgabe Nr. 1 Monat Mai 1980
PRZISE ZIELE!


Ausgabe Nr. 1 Monat Mai 1980
NACHRICHTEN, NACHRICHTEN, NACHRICHTEN...


Ausgabe Nr. 1 Monat Mai 1980
SECTE ORTHODOXE?


Ausgabe Nr. 2 Monat Juni 1980
DER GREUEL DER VERWSTUNG


Ausgabe Nr. 2 Monat Juni 1980
QU'EST-CE DIRE: LA NOUVELLE MESSE PEUT TRE VALIDE ?


Ausgabe Nr. 2 Monat Juni 1980
LETTRES


Ausgabe Nr. 2 Monat Juni 1980
CAHIERS de CASSICIACUM


Ausgabe Nr. 3 Monat September 1980
CHRISTUS NOVUM INSTITUIT PASCHA...


Ausgabe Nr. 3 Monat September 1980
ANTWORT VON H.H. PFARRER HANS MILCH


Ausgabe Nr. 3 Monat September 1980
RALLIONS-NOUS : L'EXEMPLE VIENT D'EN-HAUT


Ausgabe Nr. 4 Monat Oktober 1980
DIE KATZE LSST DAS MAUSEN NICHT.


Ausgabe Nr. 4 Monat Oktober 1980
RCKGABE VON MENSCH UND WELT


Ausgabe Nr. 4 Monat Oktober 1980
CHRISTUS NOVUM INSTITUIT PASCHA...


Ausgabe Nr. 4 Monat Oktober 1980
CHRISTUS NOVUM INSTITUIT PASCHA... Fortsetzung


Ausgabe Nr. 4 Monat Oktober 1980
REPONSE DE HR L'ABBE HANS MILCH AUX QUESTIONS


Ausgabe Nr. 5 Monat Dezember 1980
KOEXISTENZ DER VOR- UND NACHKONZILIAREN RITEN?


Ausgabe Nr. 5 Monat Dezember 1980
RIEN QUE L'ANCIENNE MESSE -THE OLD MASS ONLY fr/eng


Ausgabe Nr. 6 Monat Februar 1981
DER NOVUS ORDO MISSAE: EINE GEGEN-MESSE


Ausgabe Nr. 6 Monat Februar 1981
QUE SIGNIFIE LA COEXISTENCE DES RITES PRE- ET POSTCONCILIAIRES


Ausgabe Nr. 7 Monat April 1981
Protestation de Foi Catholique - franz/deutsch


Ausgabe Nr. 7 Monat April 1981
A CO-EXISTANCE OF THE PRE- AND POSTCONCILIAR RITES


Ausgabe Nr. 7 Monat Dezember 2006
Przise Ziele!


Ausgabe Nr. 1 Monat Mai 1979
MGR. LEFEBVRES BRIEF AN MGR. WOJTYLA MIT EINER STELLUNGNAHME DES H.H. GURARD DES LAURIERS


Ausgabe Nr. 2 Monat Juli 1979
BRIEF AN MGR. LEFEBVRE


Ausgabe Nr. 2 Monat Juli 1979
BRIEF DES PRSIDENTEN DER ASSOCIATION ST. PIE V AN MGR. LEFEBVRE


Ausgabe Nr. 4 Monat Oktober 1979
NOCH EINMAL: PRZISE FRAGEN AN ECONE


Ausgabe Nr. 5 Monat Dezember 1979
LETTRE OUVERTE SON EXCELLENCE MGR. MARCEL LEFBVRE


Ausgabe Nr. 5 Monat Dezember 1979
Enzyklika Casti connubii


Ausgabe Nr. 5 Monat Dezember 1979
OFFENER BRIEF AN HERRN PROF.DR. HEINZ KREMERS


Ausgabe Nr. 5 Monat Dezember 1979
WIR STOLZE MENSCHENKINDER ...


Ausgabe Nr. 6 Monat Februar 1980
BRIEF VON PATER DES LAURIERS AN DIE REDAKTION


Ausgabe Nr. 6 Monat Februar 1980
WIEDER EINMAL DER 'NOM'


Ausgabe Nr. 6 Monat Februar 1980
OFFENER BRIEF AN S. EXCELLENZ MGR. MARCEL LEFBVRE


Ausgabe Nr. 7 Monat April 1980
KATECHISMUS DER KATHOLISCHEN RELIGION


Ausgabe Nr. 7 Monat April 1980
POUR VOUS ET POUR TOUS - LE PROGRAMME DE JEAN-PAUL II


Ausgabe Nr. 1 Monat Juni 1978
Konzil von Trient: Dekret ber das Sakrament der Eucharistie - ERLSUNG


Ausgabe Nr. 1 Monat Juni 1978
CONTRA MURMURANTES


Ausgabe Nr. 2 Monat Juli 1978
EIN INTERESSANTES DOKUMENT


Ausgabe Nr. 2 Monat Juli 1978
GEDANKEN ZUM HEUTIGEN PRIESTERMANGEL


Ausgabe Nr. 3 Monat Oktober 1978
RGERNIS VOR GOTT UND DEN MENSCHEN


Ausgabe Nr. 4 Monat November 1978
RECHTGLUBIGE SEKTE ?


Ausgabe Nr. 4 Monat November 1978
DIE KIRCHE ALS DIE WAHRE INSTITUTION DES HEILS


Ausgabe Nr. 5 Monat Dezember 1978
DER STUHL PETRI IST WEITERHIN VAKANT


Ausgabe Nr. 5 Monat Dezember 1978
SIE LGEN, PATER WERENFRIED


Ausgabe Nr. 5 Monat Dezember 1978
BRIEF VON KARDINAL BOURNE AUS DEM JAHRE 1928


Ausgabe Nr. 7 Monat April 1979
DIE HL. MESSE IST KEINE BLOSSE DISZIPLINARSACHE!


Ausgabe Nr. 7 Monat April 1979
VERE ANTIQUI ERRORIS NOVI REPARATORES!


Ausgabe Nr. 7 Monat April 1979
HRESIE VOR DEM AMTSANTRITT


Ausgabe Nr. 1 Monat Mai 1977
SIND WIR VORBEREITET ?


Ausgabe Nr. 2 Monat Juli 1977
DIE LITURGISCHE SPRACHE


Ausgabe Nr. 3 Monat September 1977
Konzil von Trient: Dekret ber das Meopfer


Ausgabe Nr. 4 Monat November 1977
DIE DOGMATISCHEN BESTIMMUNGEN DES TRIDENTINUMS ZUR PRIESTERWEIHE


Ausgabe Nr. 5 Monat Dezember 1977
FRIEDRICH NIETZSCHE VOR HUNDERT JAHREN


Ausgabe Nr. 6 Monat Februar 1978
DIE ABSICHTEN UND DAS ZIEL DES BENEDIKTINERS ODO CASEL


Ausgabe Nr. 6 Monat Februar 1978
GEGENWART DER KIRCHE IN DER WELT


Ausgabe Nr. 7 Monat April 1978
DIE LITRUGISCHE SPRACHE


Ausgabe Nr. 11 Monat Februar 2007
EN LA ENCRUCIJADA


Ausgabe Nr. 11 Monat Februar 2007
la croise des chemins


Ausgabe Nr. 11 Monat Februar 2007
At the crossroads


Ausgabe Nr. 11 Monat Februar 2007
Y seris como Dios (Gn. 3, 5)


Ausgabe Nr. 11 Monat Februar 2007
And thou wilt be like God (Gen. 3,5)


Ausgabe Nr. 1 Monat Mai 1976
LITERATURHINWEIS


Ausgabe Nr. 2 Monat Juli 1976
DIE FEIER DER KINDERTAUFE


Ausgabe Nr. 2 Monat Juli 1976
DER KRNUNGSEID DES PAPSTES


Ausgabe Nr. 2 Monat Juli 1976
AKTIVE TEILNAHME


Ausgabe Nr. 3 Monat September 1976
NEUERE BEITRGE ZUM GESCHEHEN UM ECONE


Ausgabe Nr. 4 Monat Oktober 1976
STELLUNGNAHME ZUM INTERVIEW KARL RAHNERS


Ausgabe Nr. 4 Monat Oktober 1976
MEIN VOLK, GEDENKE DOCH! (Mich. 6,5)


Ausgabe Nr. 5 Monat Dezember 1976
DIE LETZTE LUNG


Ausgabe Nr. 6 Monat Februar 1977
AKTIVE TEILNAHME


Ausgabe Nr. 7 Monat April 1977
AKTIVE TEILNAHME


Ausgabe Nr. 12 Monat Februar 2007
MISERICORDIAS DOMINI IN AETERNUM CANTABO, 1er continuation


Ausgabe Nr. 12 Monat Februar 2007
MISERICORDIAS DOMINI IN AETERNUM CANTABO, 4. continuation


Ausgabe Nr. 12 Monat Februar 2007
MISERICORDIAS DOMINI IN AETERNUM CANTABO, 5. continuation


Ausgabe Nr. 12 Monat Februar 2007
APPENDICE


Ausgabe Nr. 3 Monat August 1975
ADAM, WO BIST DU!


Ausgabe Nr. 3 Monat August 1975
LISTE DER EINWNDE GEGEN DEN NOVUS ORDO MISSAE


Ausgabe Nr. 3 Monat August 1975
BEITRGE ZUM GESCHEHEN UM ECNE


Ausgabe Nr. 1 Monat Mai 1975
Beata nobis gaudia


Ausgabe Nr. 1 Monat Mai 1975
Sie glauben noch an ein Paradies?


Ausgabe Nr. 2 Monat Juni 1975
ADAM, WO BIST DU!


Ausgabe Nr. 4 Monat Oktober 1975
LISTE DER EINWNDE GEGEN DEN NOVUS ORDO MISSAE


Ausgabe Nr. 4 Monat Oktober 1975
DAS NEUE 'MISSALE ROMANUM'


Ausgabe Nr. 4 Monat Oktober 1975
FRAU, SIEHE, DEIN SOHN!


Ausgabe Nr. 4 Monat Oktober 1975
BEITRGE ZUM GESCHEHEN UM ECNE


Ausgabe Nr. 5 Monat Dezember 1975
EIN KIND IST UNS GEBOREN - EIN SOHN IST UNS GESCHENKT


Ausgabe Nr. 5 Monat Dezember 1975
FRAU, SIEHE, DEIN SOHN!


Ausgabe Nr. 5 Monat Dezember 1975
DIE BESTIMMUNGEN DES TRIDENTINUMS ZUR HL. MESSE


Ausgabe Nr. 5 Monat Dezember 1975
LESERBRIEFE IN AUSZGEN


Ausgabe Nr. 6 Monat Februar 1976
EMPFEHLUNGEN, WIE SICH DIE GLUBIGEN IN DER JETZIGEN NOTLAGE DER KIRCHE VERHALTEN SOLLTEN.


Ausgabe Nr. 6 Monat Februar 1976
AKTIVE TEILNAHME


Ausgabe Nr. 1 Monat April 1974
GLTIGE UND WIRKSAME MATERIE


Ausgabe Nr. 2 Monat Mai 1974
GLTIGE UND WIRKSAME MATERIE - II.


Ausgabe Nr. 2 Monat Mai 1974
DIE NEUE RELIGION


Ausgabe Nr. 78 Monat Oktober/Nov. 1974
GLTIGE FORM


Ausgabe Nr. 78 Monat Oktober/Nov. 1974
SIND DIE NEUEN HOCHGEBETE ANNEHMBAR?


Ausgabe Nr. 9 Monat Dezember 1974
CORNELIUS UND CYPRIAN


Ausgabe Nr. 9 Monat Dezember 1974
DER ANFANG DER TUSCHUNG


Ausgabe Nr. 9 Monat Dezember 1974
DER UNSICHTBARE OPFERER-PRIESTER


Ausgabe Nr. 9 Monat Dezember 1974
ANTWORT


Ausgabe Nr. 10 Monat Jan./Februar-dopp. Nr. 1975
DIE GETREUE INTENTION


Ausgabe Nr. 12 Monat Mrz 1975
DIE EHEZWECKE


Ausgabe Nr. 12 Monat Mrz 1975
DIE UNGLTIGKEIT DER NEUEN MESSE VON ANFANG AN, Fortsetzung


Ausgabe Nr. 3 Monat Mai 2007
DIASPORA


Ausgabe Nr. 1 Monat April 1972
WURZEL, STAMM UND KRONE


Ausgabe Nr. 2 Monat Mai 1972
HRESIE VOR DEM AMTSANTRITT


Ausgabe Nr. 2 Monat Mai 1972
DIE LEONINISCHEN GEBETE


Ausgabe Nr. 2 Monat Mai 1972
Wurzel, Stamm und Krone


Ausgabe Nr. 8 Monat November 1972
Kurze Zusammenfassung der Argumente fr das 'fr viele'


Ausgabe Nr. 8 Monat November 1972
Wurzel, Stamm und Krone


Ausgabe Nr. 9 Monat Dezember 1972
Die Messe des hl. Pius V. ist immer noch erlaubt


Ausgabe Nr. 10 Monat Januar 1973
Offener Brief an die guten Priester


Ausgabe Nr. 11 Monat Februar 1973
DIE HOCHZEIT ZU KANA


Ausgabe Nr. 8 Monat November 1973
Wurzel, Stamm und Krone


Ausgabe Nr. 8 Monat November 1973
BRIEF DER REDAKTION


Ausgabe Nr. 9 Monat Dezember 1973
Das Geburtsjahr Christi und die Schtzung des Quirinus


Ausgabe Nr. 10 Monat Januar 1974
Die gltige Materie, das Offertorium, Ich


Ausgabe Nr. 11 Monat Februar 1974
Zum Tode von Bischof Blasius Sigebald Kurz OFM


Ausgabe Nr. 12 Monat Mrz 1974
Papa haereticus


Ausgabe Nr. 12 Monat Mrz 1974
Wollt auch ihr weggehen?


Ausgabe Nr. 1 Monat April 1973
DER VERLORENE SOHN


Ausgabe Nr. 2 Monat Mai 1973
Tuet Bue!


Ausgabe Nr. 3 Monat Juni 1973
DER HL. BONIFATIUS - ZUM FEST AM 5. JUNI


Ausgabe Nr. 3 Monat Juni 1973
VERNDERUNGEN IM MISSALE


Ausgabe Nr. 45 Monat Juli/August 1973
THEOLOGISCHE UND JURISTISCHE BEDEUTUNG DER BULLE QUO PRIMUM


Ausgabe Nr. 45 Monat Juli/August 1973
Wurzel, Stamm und Krone


Ausgabe Nr. 6 Monat September 1973
VORLUFER, NACHLUFER, MITLUFER


Ausgabe Nr. 6 Monat September 1973
VOLKSSPRACHE IN DER LITURGIE?


Ausgabe Nr. 6 Monat September 1973
Gehorcht!


Ausgabe Nr. 7 Monat Oktober 1973
Darf ein Papst den Ritus ndern?


Ausgabe Nr. 7 Monat Oktober 1973
Die heilige Messe


Ausgabe Nr. 4 Monat August 2007
Enzyklika Casti connubii - Anmerkungen


Ausgabe Nr. 13 Monat September 2007
Carta a Su Eminencia el obispo XXX


Ausgabe Nr. 13 Monat September 2007
Letter to His Excellency xxxx


Ausgabe Nr. 13 Monat September 2007
LA SANTISIMA TRINIDAD


Ausgabe Nr. 13 Monat September 2007
Et vous serez comme Dieu


Ausgabe Nr. 13 Monat September 2007
Declaratio


Ausgabe Nr. 13 Monat September 2007
Declaracin


Ausgabe Nr. 13 Monat September 2007
Declaration


Ausgabe Nr. 13 Monat September 2007
Dichiarazione


Ausgabe Nr. 5 Monat Oktober 2007
Das freimaurerische Prinzip


Ausgabe Nr. 5 Monat Oktober 2007
Motu Proprio Summorum Pontificum von Benedikt XVI.vom 7. Juli 2007


Ausgabe Nr. 5 Monat Oktober 2007
Die Falle der Motu-Proprio-Messe


Ausgabe Nr. 12 Monat Fvrier 1982
COEXISTENCE PACIFIQUE?


Ausgabe Nr. 12 Monat Fvrier 1982
RIEN QUE L'ANCIENNE MESSE - EXEGESE D' UN SLOGAN


Ausgabe Nr. 11 Monat August 1982
THE OLD MASS ONLY


Ausgabe Nr. 11 Monat Mai 1984
CATHOLIC RESISTANCE AGAINST MODERNISM


Ausgabe Nr. 11 Monat Mai 1984
Is Mgr. Lefebvre a validly consecrated bishop?


Ausgabe Nr. 11 Monat Mai 1984
ANOINTED ANTICHRISTS


Ausgabe Nr. 11 Monat Mai 1984
LE TEMPS DE L'APOCALYPSE


Ausgabe Nr. 11 Monat Mai 1984
THE LATTER DAY CHURCH


Ausgabe Nr. 12 Monat August 1984
Paganisation of the Liturgy in India


Ausgabe Nr. 12 Monat August 1984
SERPENTS OINTS PAR LE SAINT ESPRIT


Ausgabe Nr. 12 Monat August 1984
DECLARAT ION OF MGR. M.L. GURARD DES LAURIERS


Ausgabe Nr. 13 Monat Oktobre 1984
SACRE DE M. L'ABBE GNTHER STORCK


Ausgabe Nr. 13 Monat Oktobre 1984
QUE PENSER DE LA MISE AU POINT DE M. ALPHONSE EISELE?


Ausgabe Nr. 13 Monat Oktobre 1984
LIFE IN APOCALYPTICAL TIME


Ausgabe Nr. 13 Monat Oktobre 1984
IMPUDENT!


Ausgabe Nr. 13 Monat Oktobre 1984
L'GLISE DES DERNIERS TEMPS


Ausgabe Nr. 14 Monat Decembre 1984
NAVIDAD! NAVIDAD!


Ausgabe Nr. 14 Monat Decembre 1984
LE CAS DU PAPE HONORIUS (625-638)


Ausgabe Nr. 14 Monat Decembre 1984
LA TETE EST NECESSAIRE


Ausgabe Nr. 14 Monat Decembre 1984
DE ECCLESIAE CAPITE


Ausgabe Nr. 11 Monat May 1980
PEACEFUL CO-EXISTENCE?


Ausgabe Nr. 11 Monat May 1980
ITE, MISSA EST


Ausgabe Nr. 11 Monat May 1980
ONCE MORE: PRECISE QUESTIONS TO ECNE


Ausgabe Nr. 11 Monat May 1980
FOR ALL AND FOR YOU - THE PROGRAMME OF JOHN PAUL II.


Ausgabe Nr. 12 Monat June 1980
A PROCLAMATION ON 'THE NEW MASS AND THE POPE'


Ausgabe Nr. 13 Monat Februar 1981
NOVUS ORDO MISSAE: AN ANTI-MASS. Part 1


Ausgabe Nr. 13 Monat Februar 1981
NOVUS ORDO MISSAE: AN ANTI-MASS, Part 2


Ausgabe Nr. 12 Monat July 1981
VATICANUM 2 NEW RITES - ARE THEY VALID?


Ausgabe Nr. 6 Monat Dezember 2007
Das Motu Proprio nchtern betrachtet


Ausgabe Nr. 13 Monat August 1981
EXTRAIT DE LETTRE


Ausgabe Nr. 13 Monat August 1981
LE CANON 188, N 4 OU: OU EST L'EGLISE


Ausgabe Nr. 13 Monat August 1981
UN COMMUNIQUE DE MONSEIGNEUR LEFBVRE


Ausgabe Nr. 13 Monat August 1981
EXTRAIT DE LA BULLE DE PAUL IV: CUM EX APOSTOLATUS OFFICIO


Ausgabe Nr. 13 Monat August 1981
LETTRE A MSGR. LEFBVRE


Ausgabe Nr. 12 Monat Juni 1985
LES PRISES D'ARNAUD LE DOUANIER


Ausgabe Nr. 12 Monat Juni 1985
A CUSTOMS-OFFICER'S PRIZE


Ausgabe Nr. 12 Monat Juni 1985
L'ANTI-CHRIST ET L'GLISE OFFICIELLE


Ausgabe Nr. 11 Monat April 1985
MONTRE-MOI TES CHEMINS, SEIGNEUR


Ausgabe Nr. 11 Monat April 1985
OUR LADY OF FATIMA AND THE HOLY FATHER


Ausgabe Nr. 11 Monat April 1985
DE APOSTOLICA SEDE


Ausgabe Nr. 11 Monat April 1985
HOW THE ROMAN CITADEL COLLAPSED


Ausgabe Nr. 14 Monat February 1984
Pastoral-Brief/Epistola pastoralis/LETTRE PASTORALE-dt/lat/fr


Ausgabe Nr. 14 Monat February 1984
CATHOLIQUES CONTRE IMPOSTEURS


Ausgabe Nr. 12 Monat July 1983
Where do we stand?


Ausgabe Nr. 12 Monat July 1983
Ou en sommes-nous?


Ausgabe Nr. 12 Monat July 1983
JUAN PABLO II. NO ES UN PAPA CATOLICO


Ausgabe Nr. 12 Monat July 1983
ROMAN CATHOLIC BISHOPS SPEAK


Ausgabe Nr. 12 Monat July 1983
VATICAN II FACE LA TRADITION


Ausgabe Nr. 12 Monat July 1983
REPONSE DE M. L'ABB MILCH A LA LETTRE OUVERTE DU M. HELLER


Ausgabe Nr. 13 Monat Oktober 1983
FALSE BISHOPS AND TRUE BISHOPS


Ausgabe Nr. 13 Monat Oktober 1983
OFFICIAL PRESS RELEASE


Ausgabe Nr. 13 Monat Oktober 1983
EST-ON SCHISMATIQUE SI ON JUGE QUE LE SIEGE DE SAINT PIERRE EST ACTUELLEMENT OCCUPE


Ausgabe Nr. 13 Monat Oktober 1983
IS ONE A SCHISMATIC, WHEN IN OUR DAYS ONE CONSIDERS THE CHAIR OF ST. PETER AS VACANT


Ausgabe Nr. 11 Monat April 1983
AGAINST THE 'PROPHECY' OF THE SO-CALLED 'ROMAN CATHOLIC'


Ausgabe Nr. 11 Monat April 1983
THE ARIANISM - AN EXAMPLE FOR THE EXISTENCE OF THE CONSENSUS FIDELIUM


Ausgabe Nr. 11 Monat April 1983
CONTRARIES PAR LA CONSECRATION D'VQUES CATHOLIQUES


Ausgabe Nr. 11 Monat April 1983
LETTRE OUVERTE D'AMERIQUE AUX FRERES DANS LA FOI


Ausgabe Nr. 11 Monat April 1983
Concerning the problem of the 'una cum'


Ausgabe Nr. 11 Monat Mai 1981
LE NOVUS ORDO MISSAE: UNE ANTI-MESSE


Ausgabe Nr. 11 Monat Mai 1981
SEULEMENT, QUAND LE FILS DE L'HOMME REVIENDRA TROUVERA-TIL LA FOI SUR LA TERRE?


Ausgabe Nr. 14 Monat Oktober 1981
LETTRE OUVERTE A MGR. MARCEL LEFEBVRE


Ausgabe Nr. 14 Monat Oktober 1981
LA BANDE DES QUATRE


Ausgabe Nr. 2 Monat Juni 1980
Beilage II zu EINSICHT X(2) Juni 1980: Die neue Messe und der Papst


Ausgabe Nr. 11 Monat May 1980
APPEL DU 16.4.1979


Ausgabe Nr. 12 Monat June 1980
Vox FIDEl: LA VOIX DE LA FOl OU L'ORGANE DES SOUHAITS


Ausgabe Nr. 11 Monat February 2008
ARE POST CONCILIAR RITES VALID?


Ausgabe Nr. 11 Monat February 2008
THE NEW RITE OF BAPTISM


Ausgabe Nr. 11 Monat February 2008
THE NEW RITE OF BAPTISM - PART II


Ausgabe Nr. 11 Monat February 2008
LETTER FROM A PRIEST


Ausgabe Nr. 12 Monat Decembre 1982
LETTRE DE L'EVEQUE MEXICAIN MOISES CARMONA


Ausgabe Nr. 12 Monat Decembre 1982
CURRICULUM VITAE OF MGR. LOUIS VEZELIS O.F.M. (engl.)


Ausgabe Nr. 12 Monat Decembre 1982
Some Remarks concerning the Consecrations by Mgr. Ng-dinh-Thuc and Mgr. Carmona


Ausgabe Nr. 12 Monat Decembre 1982
ALGUNAS CONSIDERACIONES SOBRE LAS CONSAGRACIONES EPISCOPALES


Ausgabe Nr. 12 Monat Decembre 1982
STORM CLOUDS OVER THE WHOLE WORLD


Ausgabe Nr. 15 Monat Decembre 1981
BREVE RESEA SOBRE EL TRADICIONALISMO EN MEXICO


Ausgabe Nr. 15 Monat Decembre 1981
POUR VOUS ET POUR TOUS - LE PROGRAMME DE JEAN-PAUL II


Ausgabe Nr. 15 Monat Decembre 1981
SECTE ORTHODOXE ?


Ausgabe Nr. 15 Monat Decembre 1981
HOMELIE DU 4 OCTOBRE 1981


Ausgabe Nr. 11 Monat August 1982
A ROMAN CATHOLIC BISHOP SPEAKS


Ausgabe Nr. 11 Monat August 1982
JURAMENTO DE CONSERVAR Y PRESERVAR LA UNIDAD DE LA IGLESIA


Ausgabe Nr. 11 Monat August 1982
CURRICULUM VITAE DEL R.P. JOSE DE JESUS ROBERTO MARTINEZ Y GUTIERREZ


Ausgabe Nr. 11 Monat August 1982
LE CAS BARBARA


Ausgabe Nr. 11 Monat August 1982
THE CASE BARBARA


Ausgabe Nr. 11 Monat August 1982
ANSWER OF REVEREND FATHER HANS MILCH


Ausgabe Nr. 11 Monat August 1982
ANTICHRIST


Ausgabe Nr. 11 Monat August 1982
THE QUESTION OF THE PAPACY TODAY


Ausgabe Nr. 4 Monat September 2001
Die Bulle >Cum ex apostolatus officio< von Papst Paul IV.


Ausgabe Nr. 12 Monat Mrz 2008
I believe in the holy Catholic Church, the communion of saints


Ausgabe Nr. 12 Monat Mrz 2008
A PAPAL ELECTION UNDER THE PRESENT CIRCUMSTANCES


Ausgabe Nr. 12 Monat Mrz 2008
DECLARATION: On John Paul II's death


Ausgabe Nr. 12 Monat Mrz 2008
Apostasa y Confusin


Ausgabe Nr. 12 Monat Mrz 2008
LA BULA DE PAULO IV


Ausgabe Nr. 3 Monat April 2003
Pauls' IV. Bulle Cum ex apostolatus officio - Appendix


Ausgabe Nr. 13 Monat April 2008
LA VALIDEZ CE LOS RITOS POSTCONCILIARES CUESTIONADA


Ausgabe Nr. 13 Monat April 2008
BIBLIOGRAFIA: VALIDEZ CUESTIONADA DE LOS NUEVOS RITOS POSTCONCILIARES


Ausgabe Nr. 13 Monat April 2008
PASCENDI DOMINICI GREGIS


Ausgabe Nr. 13 Monat April 2008
PASCENDI DOMINICI GREGIS - CONTIN. 1


Ausgabe Nr. 13 Monat April 2008
PASCENDI DOMINICI GREGIS - CONTIN. 2


Ausgabe Nr. 13 Monat April 2008
ENSEIGNEMENT DE PIE XII POUR DFENDRE LES CRITURES


Ausgabe Nr. 13 Monat April 2008
PROCLAMATION CONCILIAIRE CONCERNANT LA LIBERT RELIGIEUSE


Ausgabe Nr. 14 Monat Mai 2008
EL PROBLEMA DE LA RESTITUCION DE LA JERARQUIA CATOLICA


Ausgabe Nr. 14 Monat Mai 2008
EL PROBLEMA DE LA RESTITUCION DE LA JERARQUIA CAT. 1.Cont


Ausgabe Nr. 14 Monat Mai 2008
EL PROBLEMA DE LA RESTITUCION DE LA JERARQUIA CAT. 2.Cont


Ausgabe Nr. 14 Monat Mai 2008
EL TEMA DE LA RESTAURACION DE LA JERARQUIA CATOLICA


Ausgabe Nr. 14 Monat Mai 2008
LA RESTAURACION DE LA JERARQUIA CATOLICA - BIBLIOGRAFIA


Ausgabe Nr. 12 Monat Mrz 2008
REPLICA AL ARTICULO 'APOSTASIA Y CONFUSION'


Ausgabe Nr. 15 Monat Juli 2008
DICTAMEN SOBRE UNA ELECION PAPAL EN LAS PRESENTES CIRCUNSTANCIAS


Ausgabe Nr. 15 Monat Juli 2008
ELIGENDUS EST PAPA


Ausgabe Nr. 2 Monat April 2009
Die Holocaust-Latte liegt zu hoch!


Ausgabe Nr. 2 Monat April 2009
Dokumente zum Fall Williamson


Ausgabe Nr. 11 Monat Mai 2009
The Holocaust Bar is too High


Ausgabe Nr. 11 Monat Mai 2009
SATIS COGNITUM


Ausgabe Nr. 11 Monat Mai 2009
Documents about the Case Williamson


Ausgabe Nr. 11 Monat Mai 2009
Sedevacantists Believe in the Holy Roman Catholic Church‏


Ausgabe Nr. 3 Monat August 2009
Von der wahren Kirche Christi


Ausgabe Nr. 12 Monat September 2009
Aeterni Patris, engl


Ausgabe Nr. 12 Monat September 2009
Aeterni Patris, span


Ausgabe Nr. 12 Monat September 2009
Le bon sens catholique


Ausgabe Nr. 13 Monat Diciembre 2009
REFLEXIONES SOBRE LA NATIVIDAD DE NUESTRO SEOR


Ausgabe Nr. 4 Monat Dezember 2009
Die Gttlichkeit des Christentums


Ausgabe Nr. 13 Monat Diciembre 2009
Christmas Letter 2009


Ausgabe Nr. 13 Monat Diciembre 2009
Humani Generis


Ausgabe Nr. 13 Monat Diciembre 2009
Festividad de Cristo Rey


Ausgabe Nr. 13 Monat Diciembre 2009
St. Leo the Great


Ausgabe Nr. 13 Monat Diciembre 2009
LEGLISE CATHOLIQUE-ROMAINE DE LA DIASPORA


Ausgabe Nr. 13 Monat Diciembre 2009
Estado de emergencia: afianzado en cemento


Ausgabe Nr. 11 Monat giugno 2010
Consolazioni per i fedeli


Ausgabe Nr. 11 Monat giugno 2010
Al crocevia


Ausgabe Nr. 11 Monat giugno 2010
Novena To The Holy Ghost


Ausgabe Nr. 12 Monat luglio 2010
Auctorem fidei - III


Ausgabe Nr. 12 Monat luglio 2010
Auctorem fidei - IV


Ausgabe Nr. 3 Monat August 2010
Die Synode von Pistoia und ihre Verurteilung durch Pius VI.


Ausgabe Nr. 3 Monat August 2010
Breve Pius VI. an den Bischof von Chiusi und Pienza


Ausgabe Nr. 11 Monat Februar 2011
A. 8. c-d Der wahre Kern der Intentionsfrage:


Ausgabe Nr. 12 Monat Mrz 2011
B. 10. a - 11. Aber ist die an den gesamten Klerus der Rest-Kirche gerichtete Forderung


Ausgabe Nr. 13 Monat June 2011
Clerical Abuse


Ausgabe Nr. 13 Monat June 2011
E sarete come Dio (Gn. 3, 5)


Ausgabe Nr. 13 Monat June 2011
A proposito della situazione attuale della Chiesa


Ausgabe Nr. 13 Monat June 2011
Al crocevia


Ausgabe Nr. 13 Monat June 2011
SOBRE LA REALIDAD Y LA EXITENCIA DEL PURGATORIO


Ausgabe Nr. 2 Monat Juni 2011
Vom klerikalen Mibrauch in traditionalistischen Kreisen


Ausgabe Nr. 2 Monat Juni 2011
Ein Besuch bei Fr. Krier in Las Vegas/USA


Ausgabe Nr. 4 Monat Dezember 2011
Der Wiederaufbau der Kirche als Institution


Ausgabe Nr. 1 Monat Februar 2012
Brief an Herrn Gilbert Gris


Ausgabe Nr. 1 Monat Februar 2012
Verwechslung mit Folgen


Ausgabe Nr. 3 Monat September 2012
Erneut auf dem Prfstand


Ausgabe Nr. 4 Monat Dezember 2012
Hart, aber fair - ein Briefwechsel zur aktuellen kirchlichen Situation


Ausgabe Nr. 1 Monat Mrz 2013
Die Verhandlung vor dem Synedrium


Ausgabe Nr. 1 Monat Mrz 2013
Null und nichtig der Ritus der Bischofsweihe von 1968


Ausgabe Nr. 2 Monat Juni 2013
Habemus Papam? Zur Wahl von Jorge Mario Bergoglio


Ausgabe Nr. 2 Monat Juni 2013
Null und nichtig der Ritus der Bischofsweihe von 1968


Ausgabe Nr. 4 Monat Dezember 2013
NACHRICHTEN, NACHRICHTEN, NACHRICHTEN...


Ausgabe Nr. 4 Monat Dezember 2014
Das erzieherische Wirken der Kirche


Ausgabe Nr. 2 Monat April 2015
Leserbrief zu: Gehrt der Islam zu Deutschland?


Ausgabe Nr. 2 Monat April 2015
Islamisches Recht (arīa) mit dem Grundgesetz vereinbar?(1)


Ausgabe Nr. 4 Monat September 2015
Die Irrtmer des II. Vatikanums und ihre berwindung durch die Erkenntnis Christi als Sohn Gottes


Ausgabe Nr. 1 Monat Februar 2016
Er sah ihn und ging vorber Priester ohne kirchliche Sendung: das Legitimittsproblem


Ausgabe Nr. 2 Monat Mai 2016
Er sah ihn und ging vorber Priester ohne kirchliche Sendung: das Legitimittsproblem


Ausgabe Nr. 3 Monat September 2016
Et regnabunt cum Christo mille annis


Ausgabe Nr. 4 Monat November 2016
Et regnabunt cum Christo mille annis


Ausgabe Nr. 1 Monat Februar 2017
Et regnabunt cum Christo mille annis


Ausgabe Nr. 2 Monat Mai 2017
Et regnabunt cum Christo mille annis


Ausgabe Nr. 1 Monat Februar 2018
Arianer, Nicaner, Modernisten, Lefebvristen, Sedisprivationisten, Sedisvakantisten, Nonkonformisten und Schlafmützen: Maran atha! - Komm Herr!


Ausgabe Nr. 3 Monat August 2018
Leserbriefe


Ausgabe Nr. 4 Monat November 2018
Die Auserwhlung Marias


Ausgabe Nr. 3 Monat September 2019
Mitstreiter gesucht Brief an einen Konservativen


Ausgabe Nr. 4 Monat Dezember 2019
Weihnachten 2019


Ausgabe Nr. 1 Monat Februar 2020
Papa contra Papam


Ausgabe Nr. 3 Monat Mai 2020
... mit leeren Hnden um Kopf und Kragen


Ausgabe Nr. 4 Monat Juni 2020
The Errors of Vatican II and their defeat through Recognizing Christ as Son of God


Ausgabe Nr. 4 Monat Juni 2020
Is Jesus Christ the Son of God?


Ausgabe Nr. 4 Monat Juni 2020
The Question remains: Is Jesus Christ the Son of God?


Ausgabe Nr. 5 Monat Juni 2020
Los errores del Vaticano II y su superacin gracias al conocimiento de Cristo como Hijo de Dios


Ausgabe Nr. 5 Monat Juni 2020
Es Jesucristo el Hijo de Dios?


Ausgabe Nr. 5 Monat Juni 2020
Cmo se puede conocer a Cristo como Hijo de Dios: nuevas consideraciones


Ausgabe Nr. 5 Monat Juni 2020
Queda por responder la pregunta es Jesucristo el Hijo de Dios?


Ausgabe Nr. 5 Monat Juni 2020
Bienaventurados los puros de corazn porque ellos vern a Dios (Mt 5,8).


Ausgabe Nr. 5 Monat Juni 2020
Por eso, todos nosotros, ya sin el velo que nos cubra la cara, somos como un espejo que refleja la gloria del Seor;


Ausgabe Nr. 6 Monat Juni 2020
Jsus-Christ est-il le Fils de Dieu?


Ausgabe Nr. 6 Monat Juni 2020
Les erreurs de Vatican II


Ausgabe Nr. 7 Monat Juli 2020
NACHRICHTEN, NACHRICHTEN, NACHRICHTEN...


Ausgabe Nr. 1 Monat Februar 2021
Auf dem langsamen Marsch in die Apostasie deutsch englisch


Ausgabe Nr. 2 Monat Mrz 2021
Das Turiner Grabtuch ein Beweis fr die Existenz Jesu? Teil I


Ausgabe Nr. 3 Monat Mai 2021
Hyopstatische Union - Teil 2


Ausgabe Nr. 5 Monat November 2021
Leben und Werk des hochw. Abb. Augustin Barruel


Ausgabe Nr. 3 Monat September 2012
October 9th, 2012 an Oppressing Anniversary


Consolazioni per i fedeli
 
Consolazioni per i fedeli
In tempo di persecuzioni, di scismi, di eresie


del
R. P. Demaris

Prete cattolico, Professore di teologia presso la Casa dei Missionari di San Giuseppe a Lione,
esiliato verso il 1803 e morto per la Fede di Ges Cristo.

Seguite da una breve lettera di Mons. de Marbuf, Arcivescovo di Lione in esilio, ai fedeli della sua diocesi, del 6 dicembre 1796
Ristampato a Beauchne - Imprimerie R. Fazilleau, 1969
trad. Alberto Fontan

La carit del Padre Demaris, vedendo i suoi fedeli minacciati di trovarsi senza pastori, gli fece scrivere (dietro loro preghiera), sebbene fosse in catene, la Regola di Condotta che segue, per loro consolazione.

MIEI CARI  FIGLI,

Posti in mezzo alle vicissitudini umane ed al pericolo che offre lo scontro delle passioni, indirizzate le vostre carit a vostro padre e gli domandate una regola di condotta.

Mi accingo a mostrarvela, ed a cercare di portare alle vostre anime la consolazione di cui avete bisogno: Ges Cristo, il modello dei cristiani, ci insegna con la sua condotta quel che dobbiamo fare nei momenti penosi in cui ci troviamo. Alcuni farisei gli dissero un giorno : Ritiratevi da qui, perch Erode vuol farvi morire .  Rispose loro : Andate a dire a quella volpe che scaccio i demoni, e che termino di compiere delle guarigioni oggi e domani, e che il terzo giorno verr la mia fine. Ma debbo agire ancora oggi e domani e dopodomani, perch un profeta non deve morire fuori di Gerusalemme . (Luca, XIII, 31-33).
Voi tremate, miei cari figli; tutto quel che vedete, tutto quel che ascoltate spaventoso, ma consolatevi: la volont di Dio che si compie. I vostri giorni sono contati, la Sua provvidenza pesa su di voi. Amate quegli uomini che l'umanit vi offre come feroci ; sono degli strumenti che il Cielo impiega per i suoi disegni e, come un mare corrucciato, non passeranno la linea stabilita contro i flutti che si dondolano, si agitano e si minacciano.

Il turbine tempestoso della rivoluzione che colpisce a destra e a sinistra, ed i rumori che vi allarmano, sono le minacce di Erode : che esse non vi distolgano affatto dalle buone opere ; che non alterino punto la vostra confidenza e che non facciano per nulla appassire lo splendore delle vostre virt, che vi uniscono a Ges Cristo. Egli il vostro modello, e le minacce di Erode non lo sviano affatto dal percorso della sua destinazione.

So che potete venir privati della libert, che si pu anche cercare di farvi morire. Vi dir quindi quel che San Pietro diceva ai primi fedeli : Quel che gradito a Dio che, in vista di piacergli, sopportiamo i mali e le pene che ci fanno soffrire ingiustamente : infatti, che motivo di gloria avrete se per le vostre colpe che dovete subire dei cattivi trattamenti ?

Ma se facendo il bene le soffrite con pazienza, ecco l quel che gradito a Dio, perch ci a cui siete stati chiamati, poich Ges Cristo ha sofferto per noi, lasciandovi il suo esempio, affinch voi marciaste sulle sue tracce. Lui, che non aveva commesso alcun peccato, e dalla cui bocca non mai uscita alcuna parola ingannevole, quando lhanno coperto dingiurie, non ha affatto risposto con delle ingiurie ; quando lhanno maltrattato, non ha affatto minacciato, ma si consegnato nelle mani di chi lo giudicava ingiustamente .    (I Lettera di San Pietro, II, 19-24).

I discepoli di Ges Cristo, nella loro fedelt a Dio, sono fedeli alla loro patria e pieni di sottomissione e rispetto verso le autorit ; fermi nei loro principi, con una coscienza senza rimorsi, adorando la volont di Dio. Non devono affatto fuggire vilmente la persecuzione : quando si ama la croce, si arditi ad abbracciarla ed anche lamor suo ci rallegra. Essa necessaria alla nostra unione intima con Ges Cristo ; essa pu arrivare ad ogni istante, ma non sempre cos meritoria, n cos gloriosa. Se Dio non vi chiama al martirio, sarete come quegli illustri confessori della fede dei quali San Cipriano dice : Che senza esser morti per mezzo della mano del carnefice, hanno colto il merito del martirio, perch vi si erano preparati .
La condotta di San Paolo, tracciata negli Atti degli Apostoli (Cap. XXI), ci da quel bel modello, tratto da quello di Ges Cristo : andando a Gerusalemme, apprese, a Cesarea, che vi sarebbe stato esposto alla persecuzione ; i fedeli lo pregarono di evitarlo, ma egli si credeva chiamato ad essere crocifisso con Ges Cristo, se tale fosse stata la sua volont. Per tutta risposta, disse loro : Ah ! cessate dintenerirmi il cuore con le vostre lacrime ; vi dico che son pronto a soffrire, a Gerusalemme, non solo la prigione, ma anche la morte per lamore di Ges Cristo .

Ecco, miei cari figli, quali devono essere le vostre disposizioni : ci deve armare lo scudo della fede, ci deve sostenere la speranza e la carit deve dirigerci in ogni cosa. Se in tutto e sempre dobbiamo esser semplici come le colombe e prudenti come i serpenti, dobbiamo soprattutto esserlo quando siamo contristati per Ges Cristo.

Vi ricorder qui una massima di San Cipriano che, in questi momenti, devessere la regola della vostra fede e della vostra piet : Non cerchiamo troppo, dice questo illustre martire, l'occasione del combattimento e neppure la fuggiamo troppo: attendiamola su ordine di Dio e speriamo tutto dalla sua misericordia. Dio ci domanda piuttosto unumile confessione di fede che una protesta troppo ardita. L'umilt tutta la nostra forza . Questa massima ci invita a meditare sulla forza, la pazienza ed anche la gioia con la quale i santi hanno sofferto.

Vedete quel che dice San Paolo, sarete convinti che quando si animati dalla fede, i mali non ci toccano che allesterno, e non sono che un istante di lotta che la vittoria corona. Questa verit consolante non pu essere apprezzata che dal giusto. Ed anche non siate sorpresi se, ai nostri giorni, crediamo quel che San Cipriano( ) vide al tempo suo, allepoca della prima persecuzione : che la maggior parte dei fedeli correvano al combattimento con gioia!

Amare Dio e non temere che Lui solo, tale lappannaggio del piccolo numero degli eletti. Sono questo amore e questo timore che fanno i martiri, staccando i fedeli dal mondo ed attaccandoli a Dio ed alla sua santa legge.

Per sostenere questo amore e questo timore nei vostri cuori, vigilate e pregate, aumentate le vostre opere buone ed unite ad esse delle istruzioni edificanti delle quali i primi fedeli ci hanno dato lesempio. Intrattenetevi sui confessori della fede e glorificate quindi Signore, secondo luso dei primi cristiani, che ci descrive il capitolo degli Atti degli Apostoli.

Questa pratica sar per voi tanto pi salutare quanto pi sarete privi dei ministri del Signore, che alimentavano le vostre anime col pane della parola. Piangete quegli uomini preziosi per la vostra piet, valuto la vostra perdita : sembrate isolati con voi stessi, ma questo isolamento, agli occhi della fede non potr esservi salutare? per mezzo della fede che i fedeli sono uniti. Approfondendo questa verit, crediamo che lassenza del corpo non spezzi affatto questa unione, poich essa non rompe i legami della fede, ma piuttosto li aumenta spogliandola di ogni sensibilit.

I cristiani che non vivono che della fede, non vivono che per mezzo della fede. Se foste uniti con questo legame ai ministri del Signore che rispettate, consolatevi : la loro assenza purifica e ravviva lamicizia che ci unisce. La fede ci rende presenti coloro che amiamo in rapporto alla nostra salvezza, quali che siano pur le distanze e le catene che li separano da noi ; la fede ci da degli occhi cos penetranti che possiamo vederli dovunque essi siano : quandanche fossero alle estremit della terra, o anche che la morte li avesse da noi separati. Nulla lontano dalla fede ; essa penetra nel pi profondo della terra, come nel pi alto dei cieli. La fede al di sopra dei sensi, e il suo dominio al di sopra del potere degli uomini. Chi pu toglierci il ricordo? Chi pu impedirci di presentarci davanti a Dio con coloro che amiamo e di domandargli il nostro pane quotidiano con delle preghiere unite a quelle di coloro che amiamo? Non basta, figli miei, consolarvi riguardo allassenza dei ministri del Signore, asciugare le lacrime che spandete sulle loro catene. Privandovi questa perdita dei sacramenti e delle consolazioni spirituali, la vostra piet si allarma! Essa si vede isolata. Per legittima che sia la vostra desolazione, non dimenticate che Dio vostro padre e che se permette che siate privati dei mediatori che aveva stabilito per dispensare i suoi misteri, non chiude per quello i canali delle grazie e delle misericordie. Vado ad offrirvele come le sole risorse alle quali possiamo ricorrere per purificarci. Leggete quel che scriver con le stesse intenzioni che ho avute nello scriverlo : Non cerchiamo che la verit e la nostra salvezza nellabnegazione di noi stessi, nel nostro amore per Dio ed una perfetta sottomissione alla sua volont.

Voi conoscete lefficacia dei sacramenti ; sapete dellobbligo che ci imposto di ricorrere al sacramento della penitenza per purificarci dei nostri peccati. Ma, per profittare di quei canali di misericordia, ci vogliono dei ministri del Signore. Nella situazione in cui siamo : senza culto, senza altare, senza sacrificio, senza prete, non vediamo che il cielo! E non abbiamo pi mediatori tra gli uomini!... Che questo abbandono non vi abbatta punto : la fede ci offre Ges Cristo, questo mediatore immortale ; egli vede il nostro cuore, ascolta i nostri desideri, corona la nostra fedelt; siamo, agli occhi della sua misericordia onnipotente, quel malato da trentotto anni a cui dice, per guarirlo, non di far venire qualcuno che lo getti nella piscina, ma di prendere il suo letto e camminare...

Se gli avvenimenti della vita variano la situazione dei fedeli, variano del pari i nostri obblighi ; in altri tempi, saremmo quei servitori che avevano ricevuto cento talenti : avevamo lesercizio tranquillo della nostra religione. Attualmente, non abbiamo che un solo talento, che il nostro cuore: facciamolo fruttificare e la nostra ricompensa sar uguale a quella che avremmo ricevuto se ne avessimo fatti fruttificare di pi. Dio giusto, non ci domanda limpossibile ; ma poich giusto, ci domanda la fedelt in ci che possibile. Pieni di rispetto per le leggi divine ed ecclesiastiche, che ci chiamano al sacramento di penitenza, vi debbo dire che ci sono delle circostanze in cui queste leggi non obbligano ; essenziale per la vostra istruzione e la vostra consolazione che conosciate bene quelle circostanze al fine di non prendere il vostro proprio spirito per quello di Dio.

Le circostanze dove queste leggi non obbligano sono quelle in cui la volont di Dio si manifesta per operare la nostra salute, senza lintermediario degli uomini. Dio non ha bisogno che di se stesso per salvarci, quando lo vuole. la sorgente della vita e supplisce a tutti i mezzi ordinari che ha stabilito per operare la nostra salute, con dei mezzi che la Sua misericordia ci dispensa secondo i nostri bisogni. un padre tenero che, con dei mezzi ineffabili, soccorre i suoi figli quando, credendosi abbandonati, non cercano che lui e non sospirano che per lui.

Se nel corso della nostra vita avessimo trascurato il minore dei mezzi che Dio e la sua Chiesa hanno stabilito per santificarci, saremmo stati dei figli ingrati : ma se giungessimo a credere che in circostanze straordinarie non potessimo fare a meno anche dei mezzi maggiori, dimenticheremmo ed insulteremmo la Saggezza divina, che ci mette alla prova e che, volendo che noi ne veniamo privati, supplisce ad essi mediante il Suo Spirito.

Per esporvi, miei cari figli, con esattezza la vostra regola di condotta, vado a confrontare con la vostra situazione i principi della fede ed alcuni esempi della storia della religione, che ne svilupperanno il senso e vi consoleranno nellapplicazione che ne potrete fare.

di fede che il primo e pi necessario di tutti i sacramenti il battesimo : la porta della salvezza e della vita eterna ; tuttavia, il desiderio, il voto del battesimo, sufficiente in certe occasioni : i catecumeni che erano sorpresi dalla persecuzione non lo ricevevano che nel sangue che spargevano per la religione. Essi trovavano la grazia di tutti i sacramenti nella confessione libera della loro fede ed erano incorporati nella Chiesa mediante lo Spirito Santo, legame che unisce tutte le membra al Capo.

cos che si sono salvati i martiri; il loro sangue ha servito loro di battesimo : cos che si salveranno tutti coloro che, istruiti circa i nostri misteri, desidereranno (secondo la loro fede) riceverli. Tale la fede della Chiesa : essa si fonda su quel che dice San Pietro : "Che non si pu rifiutare lacqua del battesimo a coloro che hanno ricevuto lo Spirito Santo".

Quando si ha lo Spirito di Ges Cristo, quando, per amore di Lui, siamo esposti alla persecuzione, privati dogni soccorso, oppressi dalle catene della cattivit, quando veniamo condotti al patibolo, abbiamo allora tutti i sacramenti nella croce. Questo strumento della nostra redenzione racchiude tutto quel che necessario alla salvezza.

La tradizione della Chiesa, nei suoi secoli pi belli, conferma questa verit dogmatica. I fedeli che hanno desiderato i sacramenti, i confessori e i martiri, sono stati salvati senza il battesimo e senza alcuno dei sacramenti, quando non potevano riceverli. Donde facile concludere che nessun sacramento necessario quando impossibile riceverlo : e questa conclusione la fede della Chiesa.

SantAmbrogio riguardava il pio imperatore Valentiniano come un santo, sebbene fosse morto senza il battesimo, che aveva desiderato, ma che non aveva potuto ricevere. il desiderio, la volont che ci salva : In questo caso, dice quel santo Dottore della Chiesa, colui che non riceve il sacramento dalla mano degli uomini, lo riceve dalla mano di Dio. Colui che non battezzato dagli uomini, lo dalla piet, lo da Ges Cristo..
Quel che ci dice del battesimo quel granduomo, diciamolo di tutti i sacramenti, di tutte le cerimonie e di tutte le preghiere nei momenti attuali. Chi non pu confessarsi ad un sacerdote, ma che, avendo tutte le disposizioni necessarie al sacramento, lo desidera e ne forma il voto fermo e costante, sente Ges Cristo che, toccato e testimone della sua fede, gli dice quel che ha detto una volta alla donna peccatrice : Va, ti molto perdonato, perch hai molto amato .

San Leone dice che lamore della giustizia contiene in s tutta lautorit apostolica ; in ci esprime la fede della Chiesa. Lapplicazione di questa massima ha luogo per tutti coloro che, come noi, sono privati del ministero apostolico dalla persecuzione che allontana o imprigiona i veri ministri di Ges Cristo, degni della fede e della piet dei fedeli. Essa ha luogo soprattutto se siamo colpiti dalla persecuzione : la croce di Ges Cristo non lascia alcuna macchia quando la si abbraccia e la si porta come si deve. Qui, al posto dei ragionamenti, ascoltiamo il linguaggio dei Santi. I confessori e i martiri d'Africa, scrivendo a San Cipriano, dicevano arditamente che si ritornava con la coscienza pura e netta dai tribunali dove si aveva confessato il nome di Ges Cristo ; non dicevano che ci si andava con una coscienza pura e netta, ma che si tornava con una coscienza pura. Nulla fa tacere gli scrupoli quanto la croce!

Circondati dagli estremi che son le prove dei Santi, se non possiamo confessare i nostri peccati ai preti, confessiamoli a Dio. Sento, figli miei, la vostra delicatezza e i vostri scrupoli : che essi cessino e che la vostra fede e il vostro amore per la croce aumentino. Dite a voi stessi e, mediante la vostra condotta, dite a tutti coloro che vi vedranno quel che diceva San Paolo : Chi mi separer dalla carit di Ges Cristo ? (San Paolo ai Romani, 8, 35).

San Paolo era allora nella vostra situazione e non diceva che la privazione di ogni ministro del Signore, dovunque potesse egli trovarsi, avrebbe potuto separarlo da Ges Cristo ed alterare in lui la carit : sapeva che, spogliato di ogni soccorso umano e privato dogni intermediario tra lui ed il cielo, avrebbe trovato nel suo amore, nel suo zelo per il Vangelo e nella croce, tutti i sacramenti e i mezzi di salute necessari per giungervi.

Da quel che vi ho appena detto, vi facile vedere una grande verit, ben adatta a consolarvi e ad infondervi del coraggio : che la vostra condotta una vera confessione( ) davanti a Dio e davanti agli uomini. Se la confessione deve precedere lassoluzione, qui la vostra condotta deve precedere le grazie di santit o di giustizia che Dio ci dispensa, ed una confessione pubblica e continua. La confessione necessaria, dice SantAgostino, perch essa racchiude la condanna del peccato ; qui, lo condanniamo in una maniera cos pubblica e cos solenne che essa conosciuta da tutta la terra, e questa condanna, che causa del fatto che non possiamo avvicinarci ad un prete, non forse pi meritoria che unaccusa di peccati personale e fatta in segreto? Non forse pi satisfattoria e pi edificante ? La confessione segreta dei nostri peccati al sacerdote ci costava poco, e quella che facciamo oggi sostenuta dal sacrificio generale dei nostri beni, della nostra libert, del nostro riposo, della nostra reputazione, e pu darsi anche della nostra vita!

La confessione che facevamo al sacerdote non era che abbastanza utile a noi, mentre quella che facciamo al presente utile ai nostri fratelli e pu servire a tutta la Chiesa. Dio ci fa, per quanto indegni che siamo, la grazia di volersi servire di noi per mostrare che un crimine enorme loffendere la verit e la giustizia, e la nostra voce sar tanto pi intelligibile quanto pi soffriremo dei maggiori mali con maggior pazienza.
Il nostro esempio dice ai fedeli che vi pi male di quel che non si pensi a fare quel che si pretenderebbe da parte nostra. Non ci confessiamo di un peccato, ma confessiamo la verit, la qual cosa la confessione pi nobile e pi necessaria nelle presenti circostanze. Non confessiamo i nostri peccati in segreto : confessiamo la verit in pubblico! Siamo perseguitati, ma la verit non affatto prigioniera e abbiamo questa consolazione, nellingiustizia che soffriamo, che non rinchiudiamo affatto la verit di Dio nellingiustizia, come dice lApostolo delle nazioni, e che insegnamo ai nostri fratelli a non rinchiudervela punto. Infine, se non confessiamo affatto i nostri peccati, la Chiesa li confessa per noi. Tali sono le regole ammirabili della Provvidenza, che permette queste prove per farci meritare e per farci riflettere seriamente sulluso che abbiamo fatto dei sacramenti.

Labitudine e la facilit che avevamo di confessarci ci lasciava sovente nella tiepidezza, mentre adesso, privi di confessori, ci si ripiega su se stessi ed il fervore aumenta. Riguardiamo questa privazione come un digiuno per le anime e una preparazione a ricevere il battesimo della penitenza che, vivamente desiderato, diverr un cibo pi salutare. Cerchiamo di allontanare dalla nostra condotta, che la nostra confessione davanti agli uomini e la nostra accusa davanti a Dio, tutti i difetti che potrebbero essersi introdotti nelle confessioni ordinarie; soprattutto la poca umilt interiore.

Quel che ho detto pi che sufficiente ; tuttavia, non so se sar riuscito a tranquillizzarvi riguardo alle ansiet e agli scrupoli che la delicatezza fa sorgere in unanima ridotta a giudicarsi da s e a dirigersi secondo i propri movimenti.

Sento, figli miei, tutta limportanza della vostra sollecitudine ; ma, quando ci si affida a Dio, non bisogna farlo a met : sarebbe un mancare di confidenza il considerare i mezzi coi quali Dio chiama e conserva, come incompleti e che lascino qualcosa a desiderare nellordine della grazia. Trovavate nella saggezza, nella maturit e nellesperienza dei ministri del Signore dei consigli e delle pratiche efficaci per evitare il male, fare il bene ed avanzare nella virt; tutto ci non dipende affatto dal carattere sacramentale, ma dai lumi personali : un amico virtuoso, zelante e caritatevole pu essere su questo punto il vostro giudice ed il vostro direttore. Le persone pie non andavano al tribunale della penitenza solo per cercare delle istruzioni e dei lumi : esse si aprivano alle persone notevoli per la loro santa vita in colloqui familiari. Fate lo stesso ; ma che la carit pi diretta regni in questo mutuo commercio delle vostre anime e dei vostri desideri : Dio li benedir, e troverete i lumi di cui avete bisogno. Se questo mezzo vi fosse impossibile, riposatevi sulle misericordie di Dio : egli non vi abbandoner ; il Suo Spirito parler esso stesso ai vostri cuori con delle sante ispirazioni, che li infiammeranno e li dirigeranno verso gli oggetti augusti dei vostri destini.
Mi troverete conciso su questo tema. I vostri desideri vanno ben al di l ; ma abbiate un po di pazienza, il resto della mia lettera risponder interamente alle vostre aspettative ; non si pu dire tutto insieme, soprattutto riguardo ad un soggetto cos delicato e che esige la pi grande precisione. Ecco che continuer a parlarvi come parlo a me stesso :

Lontani dalle risorse del santuario e privati di ogni esercizio del sacerdozio, non ci resta come mediatore che Ges Cristo : a Lui che dobbiamo ricorrere per i nostri bisogni ; davanti alla Sua Maest suprema che dobbiamo strappare senza riguardi il velo delle nostre coscienze e, nella ricerca del bene e del male che abbiamo fatti, ringraziarlo delle sue grazie, riconoscerci colpevoli delle nostre offese... e pregare poi che ci perdoni e ci indichi i sentieri della Sua santa volont (avendo in cuore il desiderio sincero di farlo ad un suo ministro, quando e non appena lo potremo). Ecco, figli miei, quel che chiamo confessarsi a Dio. Con una tale confessione ben fatta, Dio stesso vi assolver! il Vangelo che ce lo insegna, proponendoci lesempio del pubblicano che, umiliatosi davanti a Dio, se ne ritorn giustificato, poich il miglior segno dellassoluzione, la giustizia, che non pu esser legata, perch essa che slega. Ecco quel che dobbiamo fare, nellisolamento totale in cui siamo. La Santa Scrittura ci traccia qui i nostri doveri.
Tutto ci che riguarda Dio santo : quando soffriamo per la verit, le nostre sofferenze son quelle di Ges Cristo, che ci onora dun tipo particolare di somiglianza con Lui e con la Sua croce. Questa grazia la pi grande felicit che possa arrivare ad un mortale durante la sua vita.

cos che in tutte le situazioni penose che ci privano dei sacramenti, la croce portata cristianamente la sorgente della remissione delle nostre colpe ; come, portata un tempo da Ges Cristo, essa lo fu delle colpe di tutto il genere umano. Dubitare di questa verit, fare ingiuria al nostro Salvatore crocifisso, non riconoscere abbastanza la virt ed il merito della croce!...

Ditemi : sarebbe possibile che il buon ladrone abbia ricevuto il perdono delle sue colpe e che il fedele che abbandona tutto per il suo Dio non riceva il perdono delle sue?

Dei Santi Padri osservano che il buon ladrone fu criminale fino alla croce per mostrare ai fedeli quel che devono sperare da quella croce quando labbracciano e in vista della giustizia e della verit vi restano attaccati. Ges Cristo, al termine delle sue sofferenze, entrato in cielo per mezzo della croce. Noi siamo suoi discepoli, egli il nostro modello ; soffriamo come lui ed entreremo nelleredit che ci ha preparato per mezzo della croce.

Ma, per esser santificati per mezzo della croce, non bisogna appartenere a se stessi, bisogna essere tutti di Dio ; occorre che la nostra condotta riproduca le virt di Ges Cristo : non sufficiente, di questi tempi, che animati dal suo amore, vi riposiate sul suo petto come San Giovanni ; occorre che lo serviate con fermezza e costanza sul Calvario e sulla croce : l, confessandovi a Dio, se la vostra confessione a Dio non coronata dallimposizione delle mani dei sacerdoti, essa lo sar mediante limposizione delle mani di Ges Cristo. Guardate le sue mani adorabili che sembrano cos pesanti alla natura e che sono cos leggere per coloro che lo amano!... Esse sono distese su di voi dalla mattina alla sera per riempirvi dogni sorta di benedizioni, se non le respingete voi stessi. Non c nessuna benedizione simile a quella di Ges Cristo crocifisso quando benedice i suoi figlioli sulla croce.

Il sacramento della penitenza per noi, in questo momento, il pozzo di Giacobbe, la cui acqua eccellente e salutare ; ma il pozzo profondo : privati di tutto, non possiamo pescarvi e dissetarci; anche delle guardie ne proibiscono lentrata... Ecco il dipinto della nostra situazione. Riguardiamo la condotta dei nostri persecutori come una punizione dei nostri peccati! certo che se potessimo avvicinarci a quel pozzo con fede, ci troveremmo Ges Cristo che parla alla Samaritana. Ma non perdiamoci danimo! Scendiamo fino alla valle di Betulia, dove troveremo parecchie sorgenti che non sono custodite, dove potremo placare tranquillamente la nostra sete. Che Ges Cristo abiti nei nostri cuori! Che il suo Spirito Santo li infiammi, e troveremo in noi questa sorgente di acqua viva che supplir al pozzo di Giacobbe. Ges Cristo,  come sommo pontefice, compie egli stesso in un modo ineffabile nella confessione che facciamo a Dio, quel che avrebbe compiuto in ogni altro tempo per mezzo del ministero dei sacerdoti, e questa confessione ha un vantaggio che gli uomini non possono rapirci : c tuttavia in noi Ges Cristo che si occupa continuamente di noi! Dobbiamo farla in ogni tempo, in ogni luogo ed in tutte le possibili situazioni. cosa degna di ammirazione e di riconoscenza il vedere che ci che il mondo fa per allontanarci da Dio e dalla sua Chiesa, ce ne avvicina ancor pi.

La confessione non devessere soltanto un rimedio per tutti i peccati passati ; essa ci deve preservare dai peccati a venire. Se riflettiamo seriamente su questa doppia efficacia del sacramento della penitenza, potremo aver molto da umiliarci e da piangere! E vi saremo tanto pi fondati quanto pi lavanzamento nella virt sar stato lento e che ci saremo sempre trovati gli stessi prima e dopo le nostre confessioni. Possiamo attualmente riparare tutte queste mancanze, che provenivano da una troppo facile fiducia nellassoluzione, e dal fatto che non si approfondiva abbastanza la conoscenza delle proprie piaghe!... Obbligata adesso a piangere davanti a Dio, lanima fedele si occupa a considerare tutte le sue deformit ; l, ai piedi del Salvatore, e penetrata dal dolore e dal pentimento, essa vi resta nel silenzio, non parlandogli che con le lacrime, come la peccatrice del Vangelo, nel vedere da un lato le proprie miserie e dallaltro la bont di Dio. Essa si annienta davanti alla Sua Maest, fino a quando Egli non dissolva i suoi mali con uno dei suoi sguardi. l che la luce divina illumina il suo cuore contrito ed umiliato e gli svela perfino gli atomi che possono oscurarlo. Che questa confessione a Dio sia per voi una pratica giornaliera, corta ma viva, e che di tanto in tanto la facciate da unepoca allaltra, come ogni giorno la fate della giornata (al vostro esame di coscienza della sera).
Il primo frutto che ne otterrete, oltre la remissione dei vostri peccati, sar dimparare a conoscervi e a conoscere Dio.
Il secondo, di essere sempre presentati ai sacerdoti, se lo poteste, adorni del carattere delle misericordie del Signore.

Credo di aver detto quel che dovevo, figli miei, per la vostra condotta riguardo al sacramento della penitenza. Adesso passo a parlarvi della privazione dell'Eucaristia e, successivamente, di tutti i soggetti di cui mi parlate nella vostra lettera.

LEucaristia, il sacramento damore, vi dava parecchie dolcezze e vantaggi quando potevate parteciparvi ; ma ora che ne siete privati, per essere difensori della verit e della giustizia, i vostri vantaggi sono gli stessi ; perch chi avrebbe osato avvicinarsi a quella tavola se Ges Cristo non ce ne avesse fatto un precetto e se la Chiesa, che desidera che ci fortifichiamo per mezzo di questo pane di vita, non ci avesse invitati a mangiarlo con la voce dei suoi ministri, che ci rivestivano della veste nuziale? Ma se paragoniamo lobbedienza, per causa della quale ne siamo privi, a quella che ad essa ci conduceva, sar facile giudicarne il merito.

Abramo obbed immolando suo figlio, e obbed non immolandolo : ma la sua obbedienza fu ben pi grande quando mise mano alla spada, che quando rimise la spada nel fodero.

Noi obbediamo collaccostarci allEucaristia ; ma ritraendoci da questo sacrificio immoliamo noi stessi. Alterati per la sete della giustizia, e privandoci del sangue dellAgnello, che solo pu placarla, sacrifichiamo la nostra stessa vita, per quanto sta in noi. Il sacrificio di Abramo fu dun istante ; un angelo ferm la spada; il nostro quotidiano e si rinnova tutte le volte che adoriamo con sottomissione la mano di Dio, che ci allontana dai suoi altari, e questo sacrificio volontario.

essere vantaggiosamente privati dellEucaristia, il levare lo stendardo della croce per la causa di Ges Cristo e la gloria della sua Chiesa. − Osservate, figli miei, che Ges Cristo, dopo aver dato il suo corpo, non fece alcuna difficolt nel morire per noi. Ecco la condotta del cristiano nelle persecuzioni : la croce succede allEucaristia. Che l'amore dellEucaristia non ci allontani dunque dalla croce! mostrare e fare un glorioso progresso nella gloria del Vangelo, luscire dal cenacolo per salire al Calvario. S, non temo di dirlo, quando la tempesta della malizia degli uomini tuona contro la verit e la giustizia, pi vantaggioso per i fedeli soffrire per Ges Cristo che partecipare al Suo sacro corpo per mezzo della comunione.

Mi sembra intendere il Salvatore dirci : Ah ! Non temete di venir separati dalla mia tavola per la confessione del mio Nome! una grazia che vi faccio, che un bene raro ; riparate con questa umiliazione, privazione che mi glorifica, tutte le comunioni che mi disonorarono. Siate consapevoli di questa grazia : non potete far nulla senza di me, ed io metto nelle vostre mani un mezzo di fare quel che ho fatto per voi, e di rendermi con magnificenza quel che vi ho dato di pi grande! Io ve lho dato : quando ve ne siete separati per esser fedeli al mio servizio, rendete alla mia verit quel che avreste ricevuto dalla mia carit. Non ho potuto donarvi nulla di pi grande, ed anche voi non potete donarmi nulla di pi grande. La vostra riconoscenza eguaglia, per la grazia che vi ho fatto, la grandezza del dono che vi ho fatto. Consolatevi, se non vi chiamo a versare il vostro sangue come i martiri : ecco il mio per supplirvi ; tutte le volte che vi si impedir di berlo, vi terr nello stesso conto che se avreste sparso il vostro; ed il mio infinitamente pi prezioso... .

cos che troviamo lEucaristia nella privazione stessa dellEucaristia ; daltra parte,  chi pu separarci da Ges Cristo e dalla sua Chiesa nella comunione, avvicinandoci per mezzo della fede ai suoi altari in un modo tanto pi efficace quanto pi spirituale e pi lontano dai sensi?

ci che chiamo comunicarsi spiritualmente, unendosi ai fedeli che possono farlo, nei diversi luoghi della terra. Questa comunione vi era familiare al tempo in cui potevate accostarvi alla Santa Tavola : ne conoscete i vantaggi e la maniera ; per questo che non ve ne parlo.

Mi metto ad esporvi quel che la Santa Scrittura e gli Annali della Chiesa mi offrono di riflessioni sulla privazione della messa e la necessit per i fedeli di un sacrificio continuo per i fedeli, durante il tempo della persecuzione, e ci brevemente. Prestate, figli miei, una attenzione particolare ai principi che sto per ricordarvi : sono inerenti alla vostra edificazione.

Nulla succede senza la volont di Dio : che abbiamo un culto che ci permetta dassistere alla messa o che ne siamo privati, dobbiamo essere ugualmente sottomessi alla Sua santa volont e, in ogni circostanza, esser degni del Dio che serviamo!

Il culto che dobbiamo a Ges Cristo fondato sullassistenza che ci da e sulla necessit che abbiamo del Suo aiuto.  Questo culto ci traccia dei doveri come fedeli isolati, cos come ce ne tracciava una volta nellesercizio pubblico della nostra santa religione.

Come figli di Dio, secondo la testimonianza di San Pietro e di San Giovanni, partecipiamo al sacerdozio di Ges Cristo per offrire delle preghiere e dei voti ; se non abbiamo il carattere dellordine per sacrificare sugli altari visibili, non siamo senza ostie, perch possiamo offrirle nel culto del nostro amore sacrificando noi stessi Ges Cristo a Suo Padre sullaltare invisibile dei nostri cuori. Fedeli a questo principio, raccoglieremo tutte le grazie che avremmo potuto raccogliere se avessimo assistito al santo sacrificio della messa.

La carit ci unisce a tutti i fedeli delluniverso che offrono questo divino sacrificio o che vi assistono. Se laltare materiale o le specie sensibili ci mancano, non ce ne sono neppure in cielo, dove Ges Cristo offerto nella maniera pi perfetta. Si, figli miei, i fedeli che sono senza preti essendo essi stessi preti e re, secondo San Pietro, offrono i loro sacrifici senza tempio, senza ministri e senza alcunch di sensibile; non c bisogno che di Ges Cristo per offrirlo, per il sacrificio del cuore, dove la vittima devessere consumata dal fuoco dellamore dello Spirito Santo. Ci vuol dire essere uniti a Ges Cristo, dice San Clemente dAlessandria, per mezzo delle parole, delle azioni e del cuore. Gli siamo uniti per mezzo delle parole quando esse sono vere, delle azioni quando esse sono giuste e del cuore quando la carit lo infiamma. Cos, diciamo la verit, allora renderemo a Dio la gloria che gli dovuta. Quando siamo veri nelle parole, giusti nelle azioni, sottomessi a Dio nei desideri e nei pensieri, non parlando che per mezzo di Lui solo, lodandolo dei Suoi doni ed umiliandoci per le nostre infedelt, offriamo un sacrificio gradito a Dio, che non pu esserci tolto. "Il sacrificio che Dio domanda uno spirito penetrato dal dolore", dice il santo re Davide ; "Voi non disprezzate, o mio Dio, un cuore contrito ed umiliato" (Salmo 50).

Mi resta a considerare lEucaristia come viatico : potete esserne privi al momento della morte ; debbo illuminarvi e premunirvi contro une privazione cos sensibile. Dio, che ci ama e ci protegge, ha voluto darci il Suo corpo in prossimit della morte per fortificarci in quel pericoloso passaggio.

Quando portate lo sguardo sullavvenire, ove vi vedete in agonia, senza viatico, senza estrema unzione e senza alcuna assistenza da parte dei ministri del Signore, vi riguardate come nellabbandono pi triste e pi doloroso !

Consolatevi, figli miei, nella confidenza che dovete a Dio ; questo tenero padre spander su di voi le Sue grazie, le Sue benedizioni e le Sue misericordie, in quei momenti terribili che temete, con pi abbondanza che se poteste essere assistiti dai Suoi ministri, dei quali siete privi se non per il fatto che non avete voluto abbandonare Lui.

Labbandono e la trascuratezza nei quali temiamo di trovarci assomiglia a quelli del Salvatore sulla croce, quando disse al Padre : "Mio Dio, mio Dio, perch mi avete abbandonato?". − Ah ! Quanto istruttive sono quelle parole : le pene e labbandono vi conducono ai vostri gloriosi destini terminando la vostra carriera come Ges Cristo termin la Sua. Ges, nelle Sue sofferenze, nellabbandono e nella morte, era nellunione pi intima con Suo Padre. Nelle vostre pene ed abbandono, siate a Lui similmente uniti, e che il vostro ultimo sospiro sia come il Suo : che la volont di Dio si compia.

Quel che ho detto della privazione del viatico alla morte, lo dir anche dellestrema unzione. Se muoio tra le mani di persone che non solo non mi assistono, ma che mi insultano, sar tanto pi felice quanto pi la mia morte avr maggior conformit con quella di Ges Cristo, che fu uno spettacolo di obbrobri per tutta la terra!... Crocifisso dalle mani dei Suoi nemici, trattato come un ladro e muore tra due ladroni! Egli era la Sapienza stessa, e passa per un insensato ; era la Verit, e passa per un furbastro e un seduttore! I farisei e gli scribi trionfarono su di Lui, ed in Sua presenza! Infine, si sono saziati col Suo sangue! Ges Cristo morto nellinfamia del supplizio pi vergognoso e coi dolori pi atroci! Cristiani, se la vostra agonia e morte sono per i vostri nemici unoccasione per insultarvi e trattarvi con obbrobrio, quale fu quella di Ges Cristo? Non so se langelo che gli fu inviato per supplire alla durezza e allinsensibilit degli uomini non lo fosse proprio per insegnarci che in una tale occasione riceviamo la consolazione del cielo, quando quelle della terra ci mancano. Non fu affatto senza un disegno particolare di Dio che gli apostoli, che avrebbero dovuto consolare Ges Cristo, rimasero profondamente assopiti.

Che il fedele non si stupisca dunque di trovarsi senza prete alla sua ultima ora. Ges Cristo rimprovera gli apostoli per il fatto che dormivano, ma per nulla del fatto che lo lasciano senza consolazione, per insegnarci che, se entriamo nel Giardino degli Ulivi, se saliamo al Calvario, se spiriamo soli e senza soccorsi umani, Dio veglia su di noi, ci consola ed sufficiente a tutte le nostre necessit. Fedeli che temete il seguito del momento attuale, portate lo sguardo su Ges: guardatelo, contemplatelo: il vostro modello ; non ho nulla di pi da dirvi a questo riguardo.

Dopo averlo contemplato, avrete ancora paura della privazione delle preghiere e delle cerimonie che la Chiesa ha stabilite per onorare la vostra agonia, la morte e il sepolcro? Pensate che la causa per la quale soffrite e morite rende questa privazione una nuova gloria e vi da il merito dellultimo tratto di somiglianza che potete avere con Ges Cristo. La Provvidenza ha permesso e voluto, per nostra istruzione, che i farisei mettessero delle guardie al sepolcro per custodire il corpo di Ges crocifisso ; essa ha voluto che dopo la morte anche il suo corpo restasse tra le mani dei Suoi nemici per insegnarci che, per lunga che possa essere la dominazione dei nostri nemici, dobbiamo soffrirla con pazienza e pregare per loro.
SantIgnazio martire, che aveva tanto ardore per lesser divorato dalle bestie, non avrebbe preferito averle per sepolcro invece del pi bel mausoleo? I primi cristiani, che venivano consegnati ai carnefici, si misero mai in pena circa la loro agonia e il loro sepolcro? Erano tutti senza inquietudine circa quel che si sarebbe fatto del loro corpo. S, figli miei, quando ci si affida a Ges Cristo durante la vita, ci si affida bene a Lui dopo la morte.

Ges sulla croce e prossimo a spirare vide le donne che lavevano seguito dalla Galilea che si tenevano lontane ; Sua Madre, Maria Maddalena, e il discepolo beneamato erano invece presso la croce nellabbattimento, nel silenzio e nel dolore!...

Ecco, figli miei, limmagine di quel che vedrete : la maggior parte dei cristiani piangono quelli tra i fedeli che si trovano consegnati alla persecuzione, ma essi si tengono lontani ; alcuni, come la Madre di Ges, avvicinano invece la vittima innocente che liniquit immola. Sottolineo, con SantAmbrogio, che la Madre di Ges, ai piedi della croce, sapeva che Suo Figlio moriva per la redenzione degli uomini e, desiderando spirare con Lui per il compimento di quella grande opera, non temeva affatto dirritare i giudei con la sua presenza e di morire col suo divin Figlio. Quando vedrete, miei cari figli, morire qualcuno nellabbandono o sotto la spada della persecuzione, imitate la Madre di Ges, e non le altre donne che lavevano seguito dalla Galilea. Siate penetrati da questa verit : che il tempo di morire pi glorioso e pi salutare quando la virt pi forte nel nostro cuore ; non si deve temere per le membra di Ges Cristo quando sono nella sofferenza! Assistiamole, non fosse che con lo sguardo e le nostre lacrime.

Ecco, figli miei, quel che ho creduto di dovervi dire : lo ritengo sufficiente per rispondere alle vostre domande e tranquillizzare la vostra piet ; ho posto i principi senza entrare in alcun dettaglio: mi sembra inutile. Le vostre ferme riflessioni vi suppliranno agevolmente e le vostre conversazioni, se mai la Provvidenza lo permette, avranno dei nuovi desideri. Debbo aggiungere, figli miei, che non dovete affatto affliggervi dello spettacolo stupefacente di cui siamo testimoni. La Fede non si accompagna affatto con questi terrori ; il numero degli eletti sempre assai piccolo. Temete soltanto che Dio non vi rimproveri la vostra poca Fede e di non aver saputo vegliare unora con Lui. Ammetter tuttavia che lumanit pu affliggersi, ma, nel riconoscere ci, dir che la Fede deve rallegrarsi.

Dio fa bene tutte le cose : portate questo giudizio, figli miei, il solo che sia degno di voi. I fedeli stessi lo formulavano quando il Salvatore compiva delle guarigioni miracolose. Quel che fa al presente ben pi grande : durante la Sua vita mortale, guariva i corpi ; attualmente, guarisce le anime e completa mediante la tribolazione il piccolo numero degli eletti.

Quali che siano i disegni di Dio su di noi, adoriamo la profondit dei Suoi giudizi e mettiamo in Lui tutta la nostra confidenza. Se vuole liberarci, il momento vicino. Tutti si sollevano contro di noi: i nostri amici ci opprimono, i nostri parenti ci trattano da stranieri! I fedeli che partecipano con noi ai santi misteri, ne sono distolti alla nostra sola vista. Si ha paura di dire non soltanto che come noi si fedeli alla patria, sottomessi alle sue leggi, ma fedeli a Dio : si ha paura di dire che si affezionati a noi, e perfino che ci si conosce. Se siamo privi daiuto da parte degli uomini, eccoci dal lato di Dio, che, secondo il profeta re, liberer il povero dal potente e il debole che non aveva alcun soccorso. Luniverso lopera di Dio ; Egli lo regge, e tutto quel che succede rientra nei disegni della Sua Provvidenza. Quando crediamo che la diserzione sta per diventare generale, dimentichiamo che basta un po di Fede per rendere la Fede alla famiglia di Ges Cristo, come un po di lievito fa fermentare tutta la pasta.

Questi eventi straordinari, in cui la moltitudine leva la scure per scalzare lopera di Dio, servono meravigliosamente a manifestare la Sua onnipotenza.

Per tutti i secoli, si vedr quel che vide il popolo di Dio quando il Signore volle, per mezzo di Gedeone, manifestare la Sua onnipotenza contro i Madianiti. Gli fece mandar via quasi tutto il suo esercito. Trecento uomini soltanto furono tenuti, ed inoltre senzarmi, affinch la vittoria fosse visibilmente riconosciuta provenire da Dio. Quel piccolo numero dei soldati di Gedeone la figura del piccolo numero degli eletti che vivono in questo secolo. Avete visto, figli miei, col pi doloroso stupore, che la moltitudine di coloro che erano chiamati (poich tutta la Francia era cristiana), la maggior parte, come nellesercito di Gedeone, rimasta debole, timida, paurosa di perdere il proprio interesse temporale : Dio li rimanda. Dio non vuole servirsi, nella Sua giustizia, che di coloro che si donano interamente a Lui. Non ci stupiamo dunque del gran numero di coloro che lo lasciano ; la verit trionfa, per piccolo che sia il numero di coloro che lamano e gli restano affezionati. Da parte mia, non formulo che un voto : il desiderio di San Paolo. Come figlio della Chiesa, desidero la pace della Chiesa ; come soldato di Ges Cristo, desidero morire sotto i Suoi stendardi.

Se avete le opere di San Cipriano, leggetele, miei cari figli, soprattutto ai primi secoli della Chiesa che occorre risalire per trovare degli esempi degni di servirci da modelli. nei libri santi e in quelli dei primi difensori della Fede che bisogna formarsi  unidea precisa delloggetto del martirio e della confessione del Nome di Ges Cristo : sono la verit e la giustizia, sono gli oggetti augusti, eterni, immutabili della Fede che occorre confessare. il Vangelo, perch le istruzioni umane, quali che esse siano, sono variabili e temporanee ; ma il Vangelo e la legge di Dio sono inerenti alleternit. meditando questa distinzione che vedrete chiaramente che cosa di Dio e che cosa di Cesare, poich, ad esempio di Ges Cristo, dovete rendere con rispetto, alluno e allaltro, quel che dovete loro.

Tutte le chiese e tutti i secoli sono daccordo : non ci pu essere nulla di cos santo e di cos glorioso che confessare il Nome di Ges Cristo. Ma ricordate, figli miei, che per confessarlo in modo degno della corona che desideriamo, nel tempo in cui maggiormente soffriamo, che occorre mostrare una maggiore santit. Non si trova nulla di cos bello che queste parole di San Cipriano allorch loda tutte le virt cristiane nei confessori di Ges Cristo : "Avete sempre osservato, dice loro, il comandamento del Signore con un vigore degno della vostra fermezza ; avete conservato la semplicit, linnocenza, la carit, la concordia, la modestia e lumilt; avete compiuto il vostro ministero con gran cura ed esattezza ; avete fatto comparire della vigilanza per aiutare coloro che avevano bisogno daiuto ; della compassione per i poveri ; della costanza nel difendere la virt, del coraggio per mantenere la severit della disciplina, ed affinch non mancasse nulla a questi grandi esempi di virt che avete dati, ecco che per una confessione della Fede e delle sofferenze generose, animate altamente i vostri fratelli al martirio e tracciate loro il cammino".
Spero, miei cari figli, che anche se Dio non vi chiama al martirio, n ad alcuna confessione dolorosa del Suo Nome, di potervi un giorno parlare come Egli parl ai confessori della Fede Celerino ed Aurelio, e lodare in voi pi la vostra umilt che la costanza, e glorificarvi pi per la santit dei vostri costumi che per le vostre pene e le vostre piaghe.

Nellattesa di quel felice momento, profittate dei miei consigli e sostenetevi da voi stessi col mio esempio. Dio vegli su di voi. La nostra speranza fondata ; essa ci mostra o la persecuzione che finisce o la persecuzione che ci corona. Nellalternativa delluna o dellaltra, vedo il compimento del nostro destino.
Che la volont di Dio sia fatta, poich in qualunque modo ci liberi, le Sue misericordie eterne si spandono su di noi.

Termino, miei cari figli, abbracciandovi e pregando Dio per voi ; pregatelo per me e ricevete la mia paterna benedizione, come pegno della mia tenerezza per voi, della mia Fede e della mia rassegnazione sincera a non avere altra volont che quella di Dio.
DEMARIS.


MONSIGNOR DE MARBOEUF, ARCIVESCOVO LEGITTIMO DI LIONE,
scriveva, dal fondo dellesilio, ai fedeli della sua diocesi, riguardo alla privazione dei soccorsi religiosi :

Basse-Saxe, 6 dicembre 1796.

MIEI CARISSIMI FRATELLI,
Se lafflizione di questi tempi vi priva dellassistere al Santo Sacrificio della messa e del partecipare cos sovente quanto lo desiderate ai santi misteri, non abbiate alcuna paura e non vi scoraggiate affatto per quello; non perderete nulla. Dio vedr con compiacenza che, malgrado queste privazioni, conservate nel cuore la confidenza e la fedelt che gli dovete ; Egli ascolter le vostre preghiere domestiche ed i voti che formulerete per il ristabilimento del Suo culto ; ne sar toccato e, attendendo i momenti stabiliti dalla Sua saggezza per far brilare su di noi dei giorni pi sereni, Egli stesso vi terr luogo di pastore, di guida, di sostegno ; spander nelle vostre anime una misura abbondante di grazie, di forza, di costanza per mettervi in condizioni di resistere a tutte le tentazioni del nemico, e, nel tempo della pi grande penuria dei soccorsi esterni della religione, vi far raccogliere interiormente dei tesori di benedizioni.
Restate dunque senza inquietudine nellovile dun s buon padrone ; invocatelo con confidenza in tutte le vostre necessit e siate certi che il nutrimento spirituale di cui potete aver bisogno, trovandovi in tale situazione, non vi mancher mai. Lo riceverete direttamente dalla mano di Dio, quando il tempo di afflizione vi privasse delluso dei mezzi che Egli ha stabilito perch fossero i canali della sua grazia. .
 
(c) 2004-2018 brainsquad.de